The Punisher: la nuova serie tv Netflix tra vendetta e cospirazioni

L’avevamo conosciuto nella seconda stagione di Daredevil e ci era subito piaciuto. Dopo la reunion di The Defenders, ora è il momento di staccarsi dal gruppo con una serie tv in solitaria che si focalizza su Frank Castle. Ecco che sbarca su Netflix la prima stagione di The Punisher.

La trama

Dopo aver vendicato la morte della sua famiglia e dopo gli eventi di Hell’s Kitchen, Frank Castle scopre una cospirazione molto più ampia ed un nuovo alleato.

La serie

Una delle critiche che abbiamo spesso sentito dopo l’exploit di Daredevil, è che nessuna delle serie successive è allo stesso livello. Sarà perchè si cercano similitudini di stile e di struttura? Eppure già la prima stagione del diavolo di Hell’s Kitchen aveva avuto diverse voci fuori dal coro che non avevano apprezzato la partenza a scoppio ritardato. Insomma, diciamo che se c’è qualcosa in comune tra tutte le serie Marvel-Netflix, è proprio il fatto di prendersela comoda nei primi episodi. In questo anche The Punisher non è da meno, ma non la vediamo come una nota negativa.

the punisher netflix the punsiher tv

Chi è ancora alla ricerca di arti marziali e acrobazie però dovrebbe mettersi l’animo in pace, perchè probabilmente non ha capito una cippa. Ognuna di queste serie del MCU televisivo ha il suo stile, dall’action-thriller al noir, dal blackxploitation alle arti marziali versione Hong Kong. Nessuna è simile alla precedente, ma sicuramente non c’è alcuna necessità di azioni esplosive già nel pilot.

The Punisher è l’estremizzazione di questo “canone”

D’altra parte abbiamo visto Frank Castle spaccare culi già nella seconda stagione di Daredevil, lasciamo che si calmi. Questa nuova serie riporta in scena il buon vecchio Franco Castello non molto tempo dopo gli eventi di Daredevil e, nonstante avessimo già conosciuto la storia del Punitore, procede intrecciando il presente con numerosi flashback dal suo passato militare.

La serie porta avanti tre storyline principali: quella di Frank, quella del suo ex-compagno d’armi Billy Russo e quella dell’agente Madani che sta investigando su Castle. A queste si aggiungono le vicende di un giovane veterano un po’ disturbato.

the punisher netflix the punsiher tv

Tutte le storyline riescono a stimolare l’interesse dello spettatore e nonostante non vi sia grande azione, la serie procede molto bene. Complice è sicuramente il carisma dell’interprete, un Jon Bernthal perfettamente calato nella parte. Facile far dimenticare le performance cinematografiche delle carenti pellicole del 1989, 2004 e 2008, meno semplice era creare un personaggio profondo in grado di lasciare nel segno. Ottima anche l’interpretazione di Ben Barnes nel ruolo di Russo e dei vari comprimari, tra cui spicca Ebon Moss-Bachrach nei panni di Lieberman (a mio parere appiattito dal doppiaggio italiano).

C’è violenza, ma anche molta umanità

The Punisher è una serie tv che funzionerebbe benissimo anche al di fuori del MCU. I collegamenti con l’universo espanso non sono così tanti e l’intera storia si regge da sola. Ottimi anche alcuni tocchi registici e possiamo assicurare che l’azione, quando c’è, è diretta davvero molto bene. Nota di lode per l’episodio 10, un piccolo capolavoro. L’intera parte finale è una spirale di violenza.

L’opinione

The Punisher è una serie molto umana, che scava nel profondo. Non accontenterà chi è in cerca di azione, ma colpirà tutti coloro che cercano profondità dei personaggi e una trama solida.

Consigliato a: agli amanti dei revenge movies e dei personaggi alla Rambo

Trailer:

Cosa dice la critica:

9,1/10
61%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
8.2
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Aaron

Aaron

Laureato in Scienze storiche all'Alma Mater di Bologna e smanettone informatico, ma da sempre appassionato di cinema. È un vero onnivoro e non c'è genere che non apprezzi. Primo film visto al cinema: Jurassic Park. Film preferito: Harry ti presento Sally.