21 Gennaio, 2020

Piccole donne (2019): il ritorno di un classico

Piccole donne (2019): il ritorno di un classico 1

Piccole Donne è un film del 2019 diretto da Greta Gerwig e interpretato da un cast corale composto da Saorsie Ronan, Emma Watson, Florence Pough, Timothée Chalamet, Laura Dern e la partecipazione di Meryl Streep. Il film è stato candidato a 6 premi Oscar: film, attrice protagonista (Saoirse Ronan), attrice non protagonista (Florence Pugh), sceneggiatura non originale, colonna sonora e costumi. Ha vinto 1 Oscar per i costumi.

La trama di Piccole Donne

In un’America impegnata con la guerra civile, le sorelle Jo, Amy, Meg e Beth March sono alle prese con i problemi tipici della loro età, ma tutte determinate a seguire e realizzare i propri sogni.

Il film

Dopo Lady Bird, Greta Gerwig torna alla regia di questo nuovo adattamento di Piccole Donne (il quarto, per l’esattezza).

Sebbene le protagoniste del libro siano quattro sorelle, l’attenzione del film si focalizza interamente su una di loro: Jo (Saoirse Ronan). Perfettamente in contrasto con il credo tradizionalista delle sorelle, il suo personaggio è il ritratto della donna che vuole ribellarsi dalle regole di società che le stanno strette e vuole costruirsi un futuro in autonomia, sentendo l’emancipazione quasi come un dovere.

Piccole donne (2019): il ritorno di un classico 2

Un film diretto da una donna a favore delle donne.

Rimanendo fedele all’ambientazione e al periodo storico, con Jo, Piccole Donne tenta di scardinare non solo quello che era il pensiero dell’epoca, ma anche quello (purtroppo) attuale di una società per certi versi ancora retrograda, secondo la quale la donna con dei sogni e delle aspirazioni non è ancora vista di buon occhio e che per realizzarsi completamente deve necessariamente avere vicino (e dipendere) da un uomo.

Piccole donne (2019): il ritorno di un classico 3

Se da una parte è uno shout out per Jo, dall’altra dispiace l’aver visto il personaggio della povera Beth (Eliza Scanlen) così sacrificato. Meritava di avere lo stesso spazio nella pellicola dedicato alla crescita di Amy (Florence Pugh) e alla maturità di Meg (Emma Watson).

Questo film però ha un difetto ben più grande della rilevanza o meno dei personaggi. La Gerwig dà erroneamente per scontata una conoscenza popolare della storia – anche da parte di chi non ha mai letto il libro – e osa destrutturare la trama partendo dal fondo e alternando il presente con i flashback. Purtroppo non si rivela una scelta granché efficace, soprattutto per chi il libro non l’ha mai letto, poiché il continuo balzare da un evento all’altro va a discapito dello scorrimento fluido della trama. 

Anche il doppiaggio italiano lascia un po’ a desiderare, soprattutto la scelta di far doppiare a se stesso Louis Garrel…

Nel complesso, riesce comunque a colpire, emozionare e far sognare, insieme ai suoi paesaggi, ai suoi abiti e ai suoi personaggi. Meryl Streep strepitosa nei panni della zia March, l’onnipresente di questa stagione Laura Dern divina nei panni dell’amorevole madre e Timothée Chalamet, se non vi ha conquistato con Call Me By Your Name, state pur certi che lo farà nei panni di Laurie.

Trailer:

Cosa dice la critica:

imdb  8.2/10

rotten tomatoes  95%

piccole donne poster locandina cinema a gennaio

Titolo italiano: Piccole donne

Trama: In un’America impegnata con la guerra civile, le sorelle Jo, Amy, Meg e Beth March sono alle prese con i problemi tipici della loro età, ma tutte determinate a seguire e realizzare i propri sogni.

Paese: USA

Durata: 135 min.

Regia: Greta Gerwig

Attori: Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, Eliza Scanlen, Timothée Chalamet, Laura Dern, Meryl Streep

Genere: Drammatico

Totale
7.5/10
7.5/10
  • Trama - 7.5/10
    7.5/10
  • Realizzazione - 7/10
    7/10
  • Impatto - 8/10
    8/10