Intervista ad Angelo Maggi, il doppiatore di Tom Hanks e Tony Stark

I nostri articoli non hanno limiti e vanno dalle recensioni ad approfondimenti folli, fino a passare per interviste a giovani cineasti indipendenti. Capita però di riuscire a contattare anche chi nel mondo del cinema ci lavora da tanto tempo e avere la fortuna di intrattenersi in una conversazione. Così nasce questa intervista ad Angelo Maggi, che è il doppiatore di Tom Hanks dai tempi di Cast Away, ma anche di Bruce Willis da Il sesto senso fino al più recente Glass. Poi i più nerd lo riconosceranno come voce di Robert Downey jr. alias Tony Stark alias Iron Man con la sua inconfondibile parlantina o di Iain Glen alias Jorah Mormont in Game of Thrones. Inoltre i cultori dei Simpson riconosceranno sicuramente in lui la voce del Commissario Winchester, a cui presta la voce fin dalla 5^ stagione della serie animata. Inoltre Angelo Maggi sarà il nuovo doppiatore del cowboy Woody in Toy Story 4, cui storicamente prestava la voce Fabrizio Frizzi, venuto a mancare lo scorso anno. Maggi è un personaggio eclettico e ama talmente tanto il suo lavoro di doppiatore da aver inventato addirittura uno spettacolo per far conoscere al pubblico quest’arte.

Hai esordito a teatro con Gassman e poi sei passato a cinema, tv e doppiaggio. Ora porti in scena a Roma uno spettacolo che coniuga tutte queste cose. Di cosa si tratta?

“Il Doppiattore – La voce oltre il buio” è proprio uno spettacolo che unisce le mie passioni, il teatro ed il doppiaggio, e si tratta di un format originale unico in Italia. Quella che porterò al Teatro Belli di Roma dal 7 al 17 marzo è ormai la quarta edizione e sostanzialmente si tratta di uno spettacolo in cui sul palco doppio live i miei personaggi più celebri, ma anche spezzoni di altri film, mentre il pubblico può vedere il risultato sul grande schermo alle mie spalle.

Cosa vedremo quindi durante la serata?

Darò spazio a scene con Tom Hanks, Robert Downey jr., il commissario Winchester dei Simpson (lo dice imitandone la voce), poi mi cimenterò doppiando Marlon Brando nel suo monologo dal Giulio Cesare, o con l’interpretazione di Klaus Maria Brandauer nel film premio Oscar “Mephisto”, la canzone del gatto Romeo ne Gli aristogatti, Clark Gable in Via col vento, Mary Poppins e ancora altri.

angelo maggi il doppiattore

In questo spettacolo quindi doppi dal vivo i tuoi personaggi più celebri. Qual è quello a cui sei più affezionato?

È certamente l’attore che ho avuto la fortuna di conoscere dal vivo, ovvero Tom Hanks. Lo incontrati a Venezia quando venne a presentare “The Terminal” insieme a Steven Spielberg. Gli avevo già prestato la voce per “Cast Away” e “Prova a prendermi” e dopo qualche bicchiere di vino mi sono avvicinato e gli ho detto “Sono la voce ufficiale dei tuoi film Dreamworks, quindi perfavore continua a lavorare con loro così posso continuare a doppiarti pure io”.

angelo maggi il doppiattore

Ti faccio una domanda particolare: se avessi la possibilità di doppiare un attore del passato chi sceglieresti?

(ride) In realtà sono preparato a questa domanda perchè ci sarà questa situazione anche durante il mio spettacolo. Comunque sarebbe sicuramente il mio attore preferito, ovvero Jack Lemmon. Tra l’altro ebbi il privilegio di conoscerlo personalmente circa 30 anni fa. Io stavo recitando a teatro nella piece di Neil Simon “I ragazzi irresistibili”, mentre lui era a Roma sul set del film “Maccheroni” di Ettore Scola. Venne a vedere lo spettacolo e li ci conoscemmo.

Durante le serate dello spettacolo ci saranno anche diversi ospiti. Qualche nome?

Si, ogni sera ci sarà l’intervento di alcuni colleghi e amici. Tra i tanti sicuramente Maurizio Mattioli, Rossella Izzo, Davide Lepore, Giancarlo Magalli, Roberto Ciufoli e molti altri.

Un’anticipazione sui tuoi prossimi lavori?

Il mio sogno è sicuramente quello di portare lo spettacolo “Il Doppiattore – La voce oltre il buio” in tutta Italia. L’anno scorso ho fatto tappa in Toscana, mentre il prossimo ottobre sarò a Milano. Ci tengo molto ed è bel poter far capire anche al pubblico come funziona il mondo del doppiaggio.

Per quanto riguarda cinema e televisione invece?

Ho appena finito di doppiare la miniserie Rai “Il nome della rosa” in cui presto la voce a John Turturro che interpreterà il protagonista Guglielmo da Baskerville. Si tratta di una bellissima produzione in 4 episodi diretta da Giacomo Battiato. Tecnicamente è ottima, colpisce molto la fotografia. E poi nel cast c’è anche Rupert Everett e tanti attori italiani. Poi ovviamente sarò di nuovo Iron Man/Tony Stark in Avengers: Endgame in uscita ad aprile e sarò la voce di Steve Coogan, interprete di Stan Laurel, nel biopic “Stanlio & Ollio” che racconta la vita dei due comici. Anche quel film è in uscita ad aprile.

angelo maggi il doppiattore

A chi volesse vedere lo spettacolo a Roma che informazioni possiamo dare?

Lo spettacolo sarà in scena al Teatro Belli dal 7 al 17 marzo. I biglietti sono già prenotabili dal sito ufficiale del teatro, ma attenzione perchè alcune serate sono già esaurite. Poi ovviamente è possibile seguire tutte le news dai miei profili social. Sono su Facebook e su Instagram dove sono sempre disponibile a rispondere a tutti quelli che mi scrivono. Ovviamente con i tempi che ce vogliono perchè gli impegni lavorativi sono tanti.

Caspita se lo sono!

 

Aaron

Aaron

Laureato in Scienze storiche all'Alma Mater di Bologna e smanettone informatico, ma da sempre appassionato di cinema. È un vero onnivoro e non c'è genere che non apprezzi. Primo film visto al cinema: Jurassic Park. Film preferito: Harry ti presento Sally.