Luglio 10, 2020

10) Sette Anime in quattro quartine

memento

Sette anime spente in un sol secondo.
Dannato sia io che non posso guarire
cieco e sordo, dannato sia il mondo,
per l’ultimo cor son pronto a morire.

E a sette corpi dono l’anima mia,
forte sia chi d’orgoglio fa a meno,
m’offro calda luce d’una buia via,
m’offro biglietto dell’ultimo treno.

A che mi serve un polmone sano,
occhi per veder la mia mala sorte?
Fa che il mio sforzo non sia vano,
ragion di vita fai della mia morte.

Non m’aspetto pianti, son vicino,
fai d’ogni colore un quadro perfetto,
rincorri la gioia lungo il cammino,
quando dimora tua sarà il mio tetto.

 

sette anime