28 Maggio, 2017

SPECIALE – MARTYRS: La lettera di Anna

martyrs

Non vedo,
stretta da grigie catene
in un flagello di atrocità
resisto afflitta da pene
pur se io a questa verità
non credo.

Non sento,
non ora che sono rinchiusa
qualsiasi cosa accadrà
a Lucy vorrei chieder scusa
finché il cuore non sarà
spento.

Non parlo
giustiziere, non senti
reciti, non fingi
ancor oggi stringo i denti
a un passo dal morire e tu mi spingi
a farlo.

Il ferro non piega
il martire che resiste
eppur la padrona non spiega
perché piango e non sono triste.
Son pronta a terminar la mia condanna.

Avevi ragione tu.

– Anna

 

martyrs