Kingsman – Il Cerchio d’Oro: lo spy action che stavate aspettando

I modi definiscono l’uomo. Dopo lo straordinario successo del primo capitolo, uscito nel 2014, torna la saga dei Kingsman in questo nuovo travolgente secondo capitolo, intitolato Il Cerchio d’Oro.

A seguito della distruzione del loro quartier generale, i Kingsman sono costretti a chiedere aiuto ai loro cugini americani, gli Statesman, per sventare una minaccia globale senza precedenti.

Come già mostrato dal primo capitolo, ispirato a una mini serie di fumetti, Kingsman non è il classico spy movie alla James Bond, né tanto meno l’action esagerato alla Mission Impossibile. Kingsman prende il meglio da tutto questo, ci aggiunge una pesantissima dose di esagerazione e di autoironia (senza però diventare una commedia alla Austin Powers) e condisce il tutto con tanta, tantissima violenza.

Kingsman incolla alla poltrona, spinge sull’acceleratore e osa nel modo giusto.

 

Kingsman & Statesman

 

Nonostante non ci sia elementi davvero innovativi, il film riprende tutti i punti di forza del primo capitolo e li ripropone, snocciolando una trama interessante e godibile. La scelta di far interpretare l’antagonista principale alla straordinaria Julianne Moore (che trasuda carisma anche solo cucinando hamburger… chi ha visto il film capirà) è davvero vincente e azzeccatissima con le tinte del film. Ovviamente, anche il resto del cast è brillante e, oltre a grandi ritorni di personaggi già visti nel primo capitolo, vediamo la comparsa anche di Pedro Pascal (noto ai più per aver interpretato lo sventurato Oberyn Martell ne Il Trono Di Spade), la sempre affascinante Halle Berry Jeff Bridges.

 

Julianne Moore

 

La regia ci guida freneticamente tra inseguimenti d’auto, riprese panoramiche tra le montagne e “falsi” piani sequenza di combattimento. Per chi ha amato la scena della sparatoria nella chiesa battista del primo lungometraggio, sappia che le scene altrettanto adrenaliniche e memorabili non mancano in questo secondo capitolo.

 

Consigliato a: gli amanti degli spy movie, dei film esagerati e di chi non si prende troppo sul serio.

Trailer:

Cosa dice la critica:

IMDb: 7,3/10
Rotten Tomatoes: 71%

 

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
7.3
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Mattia

Mattia

Programmatore di giorno, musicista di notte, affronta il tram tram della vita quotidiana a colpi di cassa e rullante