The Night Of, la serie thriller nominata agli Emmy

Dopo aver saputo delle 13 nominations agli Emmy 2017 ho ritenuto corretto dare uno sguardo a The Night Of, la miniserie HBO andata in onda esattamente un anno fa negli USA. Conoscendo la qualità dei prodotti della divisione televisiva di casa Warner non posso dire di essere rimasto sorpreso, ma è sempre un piacere scoprire la qualità di certi prodotti. Ma andiamo per gradi…

In parole povere The Night Of racconta la sfiga di un ragazzo musulmano di New York, dopo che per una sera si è lasciato andare. Deciso a partecipare ad una festa, il giovane Nasir Khan prende in prestito il taxi del padre e si lascia incantare da una bella ragazza facendosi invitare nel suo appartamento per un po’ di sano sesso tra droghe e alcool. Al suo risveglio però, Nasir scopre il cadavere della ragazza e se la da a gambe. Purtroppo è poco fortunato e viene fermato dalla polizia, mentre tutte le prove conducono a lui.

the night of

Che dire, The Night Of è un must per tutti gli amanti del crime. Una serie che alterna momenti tesissimi a sequenze di rara intensità narrativa. Ciò che si intuisce fin dal pilot è proprio l’intenzione di voler raccontare per filo e per segno tutte le implicazioni di un omicidio. Nulla sfugge alla narrazione, nulla sfugge all’occhio registico. Esistono drammi carcerari, thriller giudiziari, thriller che trattano di omicidi, ecc. The Night Of include tutto questo e non perde di qualità all’interno di questa bulimia di generi. Prendiamo Zodiac, probabilmente uno dei migliori thriller di indagine di sempre. Qualità altissima, un’attenzione ai particolari straordinaria, ma Zodiac parla esclusivamente della caccia ad un serial killer. La stessa attenzione la ritroviamo in The Night Of.

The Night Of sfrutta il meccanismo seriale per raggiungere una rara accuratezza narrativa

Ovviamente sarebbe stato impossibile racchiudere tutto questo in un film. La miniserie HBO utilizza egregiamente gli 8 episodi che la compongono. Partendo da un pilot talmente teso da far sudare, si conclude con un episodio finale (dura 1 ora e 30, quanto un film) amarissimo e per niente didascalico.

The Night Of non si ferma alla superficie del crime, ma indaga in profondità tutte le conseguenze di un omicidio. Cosa succede all’accusato? Cosa succede alla sua famiglia? Poi ci sono gli avvocati, il detective e tutto ciò che gravita intorno a questi personaggi.

the night of

La serie gioca su più linee narrative, ma prende ad oggetto essenzialmente due storie. Innanzitutto c’è Nasir, ingiustamente accusato, che deve fare i conti con la vita carceraria in attesa di processo. Il ruolo è splendidamente interpretato da Riz Ahmed, che ricordiamo protagonista nel film Il fondamentalista riluttante (che non è il sequel de Il drago riluttante). Riz Ahmed si cala perfettamente nei panni di un bravo ragazzo musulmano che deve imparare a sopravvivere agli eventi. Ciò che ci mostra è che anche l’uomo più tenero in apparenza può avere dei terrificanti lati nascosti. Tanto che ad un certo punto non abbiamo più alcuna certezza. È davvero innocente?

La serie non dà per scontato nulla e ad un certo punto chiede anche al pubblico di non farlo. E ad un certo punto ogni certezza è messa in discussione.

C’è poi l’avvocato John Stone, interpretato da un magnifico John Turturro. Si tratta chiaramente del personaggio di punta della serie. In primis era stato scelto James Gandolfini per il ruolo. Dopo la sua morte si pensava a Robert De Niro, ma alla fine si è passati a Turturro. Guardandosi indietro è difficile pensare agli altri due in questo ruolo. Personaggio iconico, splendidamente scritto, l’avvocato Stone è un uomo perbene abituato a sopravvivere. Poco abituato a prendersi grandi responsabilità (è celebre per concludere tutti i suoi casi con un patteggiamento), su John pende ora la spada di Damocle. Sarà in grado? C’è poco da dire, con il personaggio interpretato da Turturro si simpatizza subito, difficile non rimanerne colpiti.

the night of

È un ruolo talmente forte che avrebbe rischiato di offuscare l’intera storia, ma un attento lavoro di regia e sceneggiatura evita il pericolo.

Recitazione, sceneggiatura, fotografia, regia, colonna sonora e molti altri elementi sono dosati in modo sapiente e contribuiscono a creare un prodotto davvero intrigante ed emozionante. Dall’omicidio all’accusa, dagli interrogatori all’autopsia, dal carcere al processo, ogni pezzo è una storia e va ad incastrarsi perfettamente in questo splendido puzzle che è The Night Of. Probabilmente uno dei migliori crime thriller degli ultimi anni.

Consigliato a: agli amanti dei legal thriller e del genere crime, ma anche a chiunque voglia farsi trascinare da un caso giudiziario complesso e affascinante

Trailer:

Dove recuperarlo:

In abbonamento: Sky GO, Now TV

Acquisto/Noleggio: DVD, BD

Cosa dice la critica:

IMDb: 8,6/10

Rotten Tomatoes: 95%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
9.7
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Aaron

Aaron

Laureato in Scienze storiche all'Alma Mater di Bologna e smanettone informatico, ma da sempre appassionato di cinema. È un vero onnivoro e non c'è genere che non apprezzi. Primo film visto al cinema: Jurassic Park. Film preferito: Harry ti presento Sally.