Tenet (2020): un bel ca**o di casino!

by La redazione
0 commento
tenet

Tenet è un film di spionaggio e fantascienza del 2020 diretto da Christopher Nolan e con protagonisti John David Washington, Robert Pattinson, Elizabeth Debicki e Kenneth Branagh.

La trama di Tenet

Un uomo viene ingaggiato in un’unità segreta con lo scopo di salvare il mondo da una minaccia senza precedenti, in una corsa contro il tempo…

L’opinione di Andrea

Di Tenet se ne è parlato molto, non soltanto perché e’ l’ultima fatica di Christopher Nolan, ma soprattutto perché è il primo grande film ad uscire dopo il lockdown per il Covid, quindi visto come la pellicola destinata a rilanciare l’industria cinematografica.

Tenet è uno di quei film che ha bisogno di tempo ed almeno una seconda visione, ma tra qualche anno staremo parlando di un’opera molto importante

Tenet ha l’ingrato compito di arrivare dopo Dunkirk, che personalmente ritengo probabilmente il miglior film del regista inglese. Nolan ha il merito di non andare troppo sul sicuro, cioè fare di Tenet un Inception 2, ma rischia e l’azzardo si può definire tutto sommato vincente.

Tenet (2020): un bel ca**o di casino! 5

Dal punto di vista della sceneggiatura Tenet è uno dei film più’ snelli e semplici da seguire di Nolan. C’è il protagonista, l’antagonista, la donna per così dire contesa ed un oggetto da recuperare. Grazie a questa struttura essenziale il regista non si accanisce troppo a voler dare spiegazioni o cercare a tutti i costi il colpo di scena. Ma nonostante questo forse Tenet è uno dei film di Nolan con più implicazioni (così come The Prestige).

La scena è sempre cosi piena di corpi ed oggetti che allo stesso tempo avanzano e si riavvolgono, cosi come il sonoro: dialoghi e musiche avvolte e montate al contrario. Lo spettatore e’ sempre sfidato a cercare di capire cosa stia realmente vedendo (lo stesso discorso già fatto in The Prestige, film proprio sull’illusionismo), eppure il film procede in maniera semplice proprio perché la sua trama è essenziale.

La scena e’ sempre cosi piena di corpi ed oggetti che allo stesso tempo avanzano e si riavvolgono

Tenet probabilmente non rientrerà tra i film migliori in assoluto di Nolan, ma senz’altro e’ uno dei più coraggiosi e personali. Credo che sia uno di quei film che ha bisogno di tempo ed almeno una seconda visione, ma tra qualche anno staremo parlando di un’opera molto importante.

Tenet (2020): un bel ca**o di casino! 6

Nota veramente negativa per il doppiaggio italiano che grida vendetta, cercatelo di vedere in lingua originale che sicuramente è tutta un’altra cosa.

Trama: 7 – Realizzazione: 9 – Impatto: 8


L’opinione di Aaron

L’aspettativa è una brutta bestia, perchè la maggior parte delle volte è difficile da soddisfare. Caro Nolan, tu questa aspettativa l’hai senz’altro portata all’apice con Inception, tanto che a guardare i titoli successivi hanno spesso diviso il pubblico. Nonostante questo ho avuto stima per il terzo capitolo del Cavaliere oscuro, così come ho apprezzato tantissimo le derive filosofico-fantasticentifiche di Interstellar e l’epica visione bellicistica di Dunkirk. Così ho apprezzato anche questo “complesso giocattolo” che è Tenet.

Ma non mi ha convinto pienamente…

Idea di fondo assolutamente geniale, per carità, ma se dopo i primi 10 minuti tendi a guardarti intorno imbarazzato (“Forse mi sono perso qualcosa?”), la situazione non migliora man mano che il film procede. Così che ad un certo punto il “Non farti troppe domande” detto da uno dei personaggi, lo prendi come un consiglio e se non altro ti godi le strabilianti idee tecniche, sonore e visive, del film.

tenet

Sia ben chiaro: ciò non significa che la trama sia incomprensibile (anzi è molto lineare in realtà), ma che non ci sia stata tanta voglia di spiegare almeno il minimo allo spettatore. Le spiegazioni, se e quando vengono date, si risolvono in qualcosa di striminzito e superficiale o in poche parole da manuale di fisica quantistica.

E dici “beh se poi comunque il resto va bene, allora gliela faccio passare”, ma NO perchè anche questa volta (e sembra capiti sempre più spesso nei blockbuster hollywoodiani) ci sono tagli di montaggio inspiegabili che ti fanno pensare di aver perso un pezzo di film, ci sono fastidiosi buchi di sceneggiatura e, soprattutto, personaggi tutto fuorchè indimenticabili. Eppure il villain c’è, perchè Kenneth Branagh ruba la scena, e Robert Pattinson dimostra ancora una volta che ci sa fare.

Ma il personaggio di John David Washington passa via che neanche te ne accorgi

E che dire di quello interpretato da Elizabeth Debicki, un personaggio femminile con dialoghi tanto patetici che neanche in uno dei peggiori film di James Bond.

tenet

Ma in fin dei conti se non fosse stato Nolan ce lo saremmo goduto come un quasi-capolavoro. Ma è Nolan.

PS: lavoro stratosferico su colonna sonora e sonoro, che se non gli danno l’Oscar è Academy venduta!

Trama: 6.3 – Realizzazione: 8.5 – Impatto: 7.5


L’opinione di Jacopo

Tenet è come una polaroid istantanea che si sviluppa man mano che prende aria. Alcune cose le intuisci fin da subito, altre dopo che sei uscito dal cinema.

Si sta parlando tanto degli effetti speciali e della complessità del montaggio (che certamente sono tra le cose che risaltano più all’occhio), ma Tenet racchiude in sé anche una potentissima riflessione, non immediata tanto quanto il resto.

Quanta fatica ci vuole

per non far accadere qualcosa?

A un certo punto del film si evidenzia come l’impegno per non far accadere qualcosa sia lo stesso di quello che si impiega per farne accadere una, con la differenza che nessuno lo viene a sapere.

D’accordo, direte, ma a livello pratico che cosa significa? Significa che ciò che viene evitato, essendo evitato, non richiama nessuna attenzione. Nessuno si accorge di quando qualcosa che potrebbe succedere non succede, eppure dietro quella “mancanza” può nascondersi un grande lavoro.

Significa anche che un uomo si può conoscere non solo per quello che fa, ma anche per quello che non fa, nel bene e nel male.

tenet

Nolan, d’altronde, non è estraneo al connubio “film action/thriller” e “messaggio esistenziale“. Nello stesso Batman ricordiamo che, parallelamente ai combattimenti e agli effetti speciali, ci ha mostrato un uomo il cui costume rappresentava una patologia da cui guarire, piuttosto che un trionfo.
Tutti prima di lui avevano concluso il film sull’uomo pipistrello in modo rassicurante del tipo “tranquilli, lui ci sarà sempre per voi”. Mentre Nolan ci dice “non può essere lui la vostra soluzione”, un messaggio anche dalla forte carica politica, se vogliamo.

È questo che fa Nolan: prende un genere canonico e lo rivoluziona trasformandolo in un qualcosa di mai visto prima. Per questo è un grande regista e per questo Tenet, passata qualche ora dalla visione, ha buone possibilità di piacervi.

Trama: 8 – Realizzazione: 9 – Impatto: 10


Consigliato a: chi non è particolarmente stanco e ha voglia di un film dinamico, ma su cui arrovellarsi.

Trailer:

Se vi è piaciuto guardate anche…

Inception, Primer, Memento

Cosa dice la critica:

Tenet (2020): un bel ca**o di casino! 7 8,2/10
Tenet (2020): un bel ca**o di casino! 8 80%

Tenet (2020): un bel ca**o di casino! 9

Titolo italiano: Tenet

Trama: Un uomo viene ingaggiato in un'unità segreta con lo scopo di salvare il mondo da una minaccia senza precedenti, in una corsa contro il tempo...

Data di uscita: 2020

Paese: USA/UK

Durata: 150 min.

Regia: Christopher Nolan

Attori: John David Washington, Robert Pattinson, Elizabeth Debicki, Kenneth Branagh, Aaron Taylor-Johnson, Michael Caine

Genere: Spionaggio, Thriller, Azione, Fantascienza

Totale
8.1/10
8.1/10
  • Trama - 7.1/10
    7.1/10
  • Realizzazione - 8.8/10
    8.8/10
  • Impatto - 8.5/10
    8.5/10

Potresti adorare anche...