The Witch (2015): il terrore psicologico che fa scuola

by Lorenzo M
0 commento
The Witch

The Witch (sottotitolato “Vuoi ascoltare una favola?”), è un film del 2015 diretto da Robert Eggers. La pellicola di genere horror fu presentata in anteprima al Sundance Film Festival del 2015. È l’esordio per la protagonista Anya Taylor-Joy (che troviamo anche in Split), affiancata da Ralph Ineson (mangiamorte in Harry Potter) e Kate Dickie (la squilibrata Lady Arryn nel Trono di Spade).

La trama di The Witch

New England, 1630. Un uomo e la sua famiglia vengono cacciati dalla comunità puritana di cui fanno parte a causa del suo estremismo religioso. La scelta di condurre una  vita ascetica nel nome di Dio lontani dal peccato della civiltà comincia ad incrinarsi quando il figlio neonato viene rapito misteriosamente…

Il film

Potrei descrivervi per ore gli elementi che mi hanno inquietato, le scenografie che mi hanno dato le vertigini, i dialoghi malati e “sbagliati”, la costante consapevolezza che quello che sta succedendo è sempre nel limbo tra realtà e paranoia. Ma non lo farò…troppo facile eh?

Una cosa su tutte rende questo film un maestro del genere horror psicologico: l’assordante silenzio che ti porta all’esasperazione. Il constante senso di vuoto che ti investe, che ti fa desiderare di uscire dalla sala, non parlarne mai più e chiedere al tuo amico: “perché mi hai portato qui?”

 

The Witch

 

Fin dall’inizio del film le colonne sonore sono quasi assenti, i dialoghi ridotti all’osso, la nebbia, la foresta oscura in cui la famiglia (che per qualche dannato motivo decide di andarsene dalla civiltà), viene inghiottita.

Da quel momento il desiderio di una vita migliore viene lentamente ma inesorabilmente fatto tacere e prende piede la fatica, il sospetto, la paura. Come puoi vivere se non puoi fidarti nemmeno della tua famiglia?

Thomasine da donna appena sbocciata ha una sensualità innocente e inconsapevole. Ciò contrasta con i precetti estremamente puritani di cui la famiglia è portatrice. Un elemento abbastanza disturbante è anche il fratellino con desideri più che evidenti nei confronti della sorella. Ma d’altra parte (povero ragazzo) che gli vuoi dire nel mezzo della foresta, nel ‘600 con una famiglia cosi religiosa che reprime perfino il desiderio di lavarsi?

Quello che spicca è che l’idea di fede e di peccato sono estremamente presenti. La fede in Dio, la vita all’insegna del lavoro e della preghiera, la ricerca del perdono (secondo i precetti cristiani) dovrebbero elevare l’uomo. Qui si mostra il contrario: il fanatismo religioso impoverisce l’uomo, lo rende bestia.

 

“Hai maledetto questa famiglia”

 

Per fortuna The Witch si distacca completamente dai commerciali jump scare a cui purtroppo il pubblico si è abituato negli ultimi anni… sperando che le cose possano cambiare e qualche accenno c’è già stato con Pet Semetary, Midsommar, Noi (qui il nostro articolo).

La regia si avvale di una staticità disarmante, i movimenti di camera sono minimi. Questo evidenzia ancora di più la staticità di questa vita, la non evoluzione, l’inutilità, la sofferenza.

 

The Witch

 

The Witch ricalca le atmosfere terribili e inquietanti di Shining e Babadook. Da questi eredita uno dei crimini a mio parere più spaventosi che un genitore possa commettere (ma non voglio fare spoiler…lo capirete).

L’horror resta sempre nel puro filone psicologico non sforando mai nella violenza splatter se non nel finale in una sorta di exploit tarantiniana.

 

“Il male assume molte forme”

 

Ma direte voi, il titolo allora che c’entra? Dov’è la strega?

Credo stia allo spettatore interpretare. La presenza di qualcosa di maligno la si avverte dal primo all’ultimo minuto ma non si comprende mai la sua vera natura. Il maligno ovunque: nella capra, nella figura misteriosa della foresta, nei gemelli (un po’ richiamano le maledette gemelle di Shining), nell’invidia della madre, l’inettitudine del padre, il peccato del fratello, in Thomasine.

Ma a questo punto non siete incuriositi di scoprire la vera natura della Strega?

 

Consigliato a: chi ha voglia di farsi venire l’ansia

Trailer:

Se vi è piaciuto guardate anche…

Midsommar, Babadook

Dove recuperarlo?

just watch

Cosa dice la critica:

The Witch (2015): il terrore psicologico che fa scuola 3 6,9/10
The Witch (2015): il terrore psicologico che fa scuola 4 90%

The Witch

Titolo italiano: The Witch

Trama: New England, 1630. Un uomo e la sua famiglia vengono cacciati dalla comunità puritana di cui fanno parte a causa del suo estremismo religioso. La scelta di condurre una  vita ascetica nel nome di Dio lontani dal peccato della civiltà comincia ad incrinarsi quando il figlio neonato viene rapito misteriosamente…

Data di uscita: December 2, 2020

Paese: USA

Durata: 93 min.

Regia: Robert Eggers

Attori: Anya Taylor-Joy, Ralph Ineson, Kate Dickie

Genere: Horror, Giallo

Totale
8/10
8/10
  • Trama - 7/10
    7/10
  • Realizzazione - 8/10
    8/10
  • Impatto - 9.1/10
    9.1/10

Potresti adorare anche...