I Racconti di Terramare (2006): le colpe dei figli

Arren & Ged

Perché Hayao Miyazaki è un genio.
Hayao Miyazaki, che artista.
Hayao Miyazaki, un uomo, un artista, fondatore dello Studio Ghibli, alla cui ombra non dev’essere facile vivere.
E il rapporto padre/figlio permea proprio la prima opera da regista del figlio, Gorō Miyazaki, I Racconti di Terramare, aggiunto di recente sul catalogo di Netflix tra i titoli dello studio d’animazione.

La trama de I Racconti di Terramare:

Nel regno di Terramare, carestie e pestilenze stanno spossando la popolazione, mentre avvistamenti di draghi, creature che difficilmente si spingono fuori dal loro regno, sono il presagio di qualcosa di nefasto. Il giovane Arren, ignaro del proprio destino, è in fuga per queste terre, e si imbatterà presto in un mago solitario, Sparviere

Il film

Il cinema di Hayao Miyazaki, e successivamente di tutto lo Studio Ghibli, è in parte debitore dello spirito che anima i romanzi di Ursula Le Guin e in particolare il Ciclo di Earthsea, quindi non sorprese quando ne venne annunciato un adattamento.

Terramare

Non sarebbe stato però Miyazaki padre ad occuparsene, ma il figlio, da sempre riluttante a seguire le orme paterne e approdato al Ghibli ufficialmente solo qualche anno prima.
Scelta che sorprese tutti, compresa la Le Guin, delusa da non avere il trattamento Miyazaki Senior (giusto per mortificare ulteriormente un Gorō già pieno di aspettative e pressioni esterne).

Ed ecco che autobiografia e finzione si confondono leggermente nel racconto di Arren, il protagonista, che dopo un’azione avventata è in fuga, più da sè stesso (anche letteralmente) che dal proprio regno, soffocato dai dubbi e dal senso di inadeguatezza verso il ruolo che non sente di poter ricoprire.

Ma partiamo da principio, ovvero da nuvole sferzate da artigli e scaglie che guizzano tra le fiamme, mentre imperversa uno scontro tra draghi, che dona al film la sua prima iniezione di sense of wonder e un ritmo dinamicissimo.

Rispetto alle contaminazioni tipiche di Miyazaki padre (come in Nausicaä della Valle del vento) lo spirito che permea I Racconti di Terramare è un fantasy purissimo ed estremamente sintetico. Maghi e stregoni malvagi, spade pronte ad essere sfoderate solo da un eletto, draghi e atmosfere di un’epoca al suo tramonto, affollano un film pieno di animazioni e colori splendidi, accompagnati da ottime musiche.

Aracne

Nonostante sia un personaggio molto semplice, lo stregone Aracne, con la sua crudezza e ambiguità, dimostra il coraggio di un film che osa tanto nelle tematiche quanto nelle immagini.

Sorprende anche la regia estremamente dinamica, mentre i character design di molti personaggi risultano troppo spesso ricalcati dallo stile di Miyazaki padre, in una parata di volti conosciuti che finisce per infastidire.

Dopo un’ottima partenza, il film perde presto la sua forza, indugiando troppo su silenzi e paesaggi, con la trama già esile e confusa, che si dilata inesorabilmente nella parte centrale.
Ma  una visione la pellicola se la merita, oltre che per l’estetica, proprio per il suo messaggio, asciutto e schietto.

Sparviere tenta di aiutare Arren ad affrontare il labirinto della propria mente e a fare i conti con le proprie ombre, ma sarà la giovane Therru a far comprendere l’importanza di una commistione tra diverse nature. Non vi è solo bianco o nero, male o bene, passato e futuro, ne cielo o terra. Ma l’unione delle due, ed è per questa che vale la pena vivere ed amare.

Arren & Therru

Un viaggio metaforico di crescita spirituale che conduce all’emancipazione dalle proprie paure, dalle proprie origini e dai propri padri, per onorarli pur seguendo un proprio percorso, qualsiasi esso sia.

Ed è questo che grida Gorō Miyazaki ad ogni inquadratura del suo film, pieno di imperfezioni ed imparagonabile alle opere del padre, ma che è giusto resti tale, nella sua semplicità e nella sua poetica sussurrata.

Consigliato a: gli appassionati di fantasy,dello Studio Ghibli e delle storie apparentemente semplici.

Trailer:

Dove recuperarlo?

just watch

Cosa dice la critica:

imdb i racconti di terramare 6.5/10

rotten tomatoes i racconti di terramare43%

I Racconti di Terramare (2006)
locandina

Titolo italiano: I Racconti di Terramare

Trama: Il giovane Arren è in fuga attraverso il regno di Terramare, ma si imbatterà presto in un mago solitario, Sparviere, ignaro ancora del proprio destino...

Durata: 115 min.

Regia: Gorō Miyazaki

Genere: Animazione, Fantasy,

Totale
7.5/10
7.5/10
  • Trama - 6.5/10
    6.5/10
  • Realizzazione - 8/10
    8/10
  • Impatto - 8/10
    8/10