Luglio 10, 2020

The Boys: 10 motivi per cui la serie Amazon sui supereroi è una figata

the boys 2019 serie amazon

The Boys è una serie tv del 2019 basata sulla serie a fumetti omonima scritta da Garth Ennis e disegnata da Darick Robertson per la Dynamite Entertainment e distribuita da Amazon Prime Video.

Il pilot di The Boys

I supereroi sono reali e vivono tra noi. Si chiamano “super”, sono come dei divi e lavorano per l’organizzazione Vought che trae guadagno dalle iniziative che li coinvolgono. Un giorno la fidanzata del giovane Hughie viene uccisa da uno dei super e lui cerca vendetta. Verrà coinvolto in un gruppo che da la caccia ai super e scoprirà che nascondono molti scheletri nell’armadio.

the boys 2019 serie amazon

Motivo 1: L’idea

E se Superman, Wonder Woman, Flash, Aquaman e molti altri non fossero così buoni come tutti pensano? L’idea alla base della serie tv The Boys (come dell’omonimo fumetto) è proprio questa. Di fatto è proprio ai più conosciuti supereroi dei fumetti che si ispira The Boys, soprattutto per i personaggi principali. Lo spunto è un interessante punto di vista che viene sviluppato nel corso dei vari episodi.

Motivo 2: La trama

Non priva di alcune banalità, la trama è coinvolgente e si dipana nell’arco degli 8 episodi con un paio di colpi di scena niente male. Il punto di forza è senz’altro la ricchezza di personaggi ben delineati e l’evoluzione di ognuno di essi, sia buoni che cattivi.

Motivo 3: I personaggi

Sia da una parte che dall’altra i personaggi conquistano subito. Da parte “boys” i più efficaci sono sicuramente Billy Butcher e Hughie, molto profondi e ben caratterizzati. Nonostante si faccia il tifo per tutti loro, non si può non apprezzare la caratterizzazione di tutti i super, a partire da Patriota e Abisso. Tra i due è sicuramente il secondo quello con la parabola più interessante e del cui magnetismo questa prima stagione è maggiormente consapevole. Soprattutto perchè è in parte simbolo della Hollywood del caso Weinstein.

the boys 2019 serie amazon

Motivo 4: Verosimiglianza

La storia è raccontata senza mezzi termini. Come segnalato da Amazon Prime Video prima di ogni episodio di The Boys, è ricca di violenza esplicita. Ancor più verosimile è l’umanità di ogni supereroe. Non si tratta dei classici problemi esistenziali di Spider-Man o Clark Kent, ma di vera e propria assuefazione del potere. I supereroi della serie sono le persone più ammirate del mondo, delle vere e proprie divinità sotto i riflettori. Difficile non approfittarne, difficile non ritenere inferiore il resto dell’umanità.

Motivo 5: Parallelismo

The Boys sembra essere un neanche troppo velato parallelismo di quello che accade a Hollywood. I supereroi sono i divi. Una notizia negativa sulla loro vita privata può affossare la loro immagine. Allo stesso tempo è facile per loro approfittare della loro posizione per chiedere favori sessuali alle donne. Un vero specchio degli ultimi anni ad Hollywood.

Motivo 6: Ritmo

Nonostante l’ora e rotta di durata per ogni singolo episodio, questa prima stagione scorre via in modo piacevole. La trama perfettamente orizzontale stimola il binge-watching e in men che non si dica vi troverete a sentire il bisogno della seconda stagione (giù annunciata).

Motivo 7: Cast

Scelta di casting sicuramente perfetta per ogni personaggio. Ma è soprattutto apprezzabile il coinvolgimento di alcuni nomi di alto livello in ruoli di rilievo come Karl Urban (Il Signore degli Anelli, Star Trek, Thor: Ragnarok, Almost Human), Elisabeth Shue (Ritorno al futuro II-III, L’uomo senza ombra, Via da Las Vegas, CSI) o meno presenti come Simon Pegg (L’alba dei morti dementi, saga Mission: Impossible, Ready Player One) e Giancarlo Esposito (Breaking Bad). Quest’ultimo appare solo nell’ultimo episodio, ma probabilmente lo rivedremo nella seconda stagione.

the boys 2019 serie amazon

Motivo 8: Confezione

La serie è confezionata molto bene. Colpisce molto la fotografia e gli effetti visivi sono di ottimo livello. Efficace anche la colonna sonora con tanti brani rock e punk famosi.

Motivo 9: Il lato crudele

Nonostante sia chiaro fin dall’inizio che The Boys non è la Disney, la serie travolge spesso per il suo lato crudele, soprattuto nell’esplorazione dei supereroi. Tra le scene che lasciano di più il segno ci sono sicuramente la sequenza del salvataggio dell’aereo, l’uccisione della ragazza di Hughie ed il primo approccio tra Starlight e Abisso.

Motivo 10: Il lato ironico

Quando c’è molta carne al fuoco è meglio non prendersi troppo sul serio. The Boys lo capisce e dosa bene l’ironia. In questo modo la (tanta) violenza è leggermente equilibrata e alcuni personaggi ne risultano davvero potenziati. È il caso di Abisso, la cui capacità di parlare con i pesci lo porta a tentare spesso di salvarli con esiti macabri. Fantastiche in questo senso le scene del delfino e dell’aragosta.

Trailer

Dove recuperarlo?

The Boys: 10 motivi per cui la serie Amazon sui supereroi è una figata 1

Se vi è piaciuto guardate anche…

Watchmen, Kick-Ass, The Umbrella Academy, Mystery Men. E poi vi consigliamo altri 15 film tratti da fumetti.

Cosa dice la critica:

The Boys: 10 motivi per cui la serie Amazon sui supereroi è una figata 2 9,1/10
The Boys: 10 motivi per cui la serie Amazon sui supereroi è una figata 3 76%

Totale
9.4/10
9.4/10
  • Trama - 10/10
    10/10
  • Realizzazione - 9/10
    9/10
  • Impatto - 9.1/10
    9.1/10