Pineapple Express – Strafumati (2008): un’avventura molto verde…

Pineapple Express (in italiano Strafumati) è da poco arrivato su Netflix. Ne approfittiamo per farlo conoscere a chi ancora non l’avesse visto.

strafumati

La trama di Pineapple Express

Saul (James Franco) è uno spacciatore e assiduo consumatore di marijuana che, grazie ai suoi contatti, riesce ad avere l’esclusiva su un nuovo incrocio che sta per essere messo in commercio: la Pineapple Express. Si tratta di un’erba nuovissima dallo sballo assicurato. Tra i vari clienti, Saul prende in simpatia Dale (Seth Rogen) a cui decide di venderla. La storia prende tutta un’altra piega quando Dale diviene involontariamente testimone di un omicidio compiuto dal più pericoloso spacciatore della città. Preso dal panico, scappa con Saul in quella che diventerà un’esilarante avventura.

Il film

Pineapple Express, diretto da David Gordon Green e scritto da Seth Rogen e Evan Goldberg, fa parte dell’esilarante serie di film interpretati da James Franco e dallo stesso Rogen (come The Interview e This is the end). A mio parere è forse il più riuscito, perché mantiene un’armonia per l’intero svolgersi della trama e la comicità non perde mai la sua forza.

strafumati

Già dalla prima scena capiamo la portata comica di quest’opera, dal momento che vediamo il cameo di Bill Hader, ovvero uno dei comici più talentuosi usciti dal Saturday Night Live. Inutile dire che i consumatori della sostanza in questione non possono che apprezzare questo film, come un sommelier è ben felice di vedere un film che ha tra i suoi protagonisti il vino. E non ditemi che non avete provato a riprodurre il super-spinello di Saul.

Pineapple Express però è talmente ben fatto che è stato apprezzato anche tra quelli che, pur non consumando marijuana, sono appassionati di questo tipo di commedie sopra le righe. Quindi non è riducibile a quella sottocategoria “film-per-fattoni”.

Un insieme di gag esilaranti

Dai dialoghi strampalati alterati dall’erba alle lotte gratuitamente violente (e proprio per questo stupende), dalla forchetta conficcata nella schiena al piede incastrato nel parabrezza, Pineapple Express fa venire davvero mal di pancia a forza di risate.

Assistiamo inoltre ad una ben riuscita e non comune commistione di generi: comico-demenziale, commedia, thriller, action-movie. E il tutto mantiene sorprendentemente un equilibrio dall’inizio alla fine.

strafumati

La storia di un’amicizia

Pineapple Express non è solo un insieme di gag spassosissime, è anche la storia di una profonda amicizia, di quelle che si creano nella sventura e che proprio grazie alla sventura condivisa diventano solide. Saul, Dale e più tardi Red diventano una specie di trio alla Hermione, Ron e Harry, solo con un sacco di erba in più.

Nella battaglia finale il film raggiunge quell’epicità che ormai è un tratto distintivo dei film della coppia Franco-Rogen.

L’opinione

Che siate “strafumati” o meno, Pineapple Express è un film da recuperare nel caso in cui non l’abbiate ancora visto, o da rivedere nel caso già lo conosciate. Questo ventaglio di generi non vi potrà deludere.

Consigliato a: agli amanti dei film comici.

Trailer:

Dove recuperarlo

just watch

Cosa dice la critica

imdb 7/10

rotten tomatoes 68%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
9.7
Jacopo

Jacopo

Amante della filosofia e del cinema. Specialmente dei drammi in cui nascondi il singhiozzo ma poi ti esce col rinculo e si sente il doppio. Registi preferiti: Alexander Payne, Wes Anderson e Noah Baumbach. Film preferito: Will Hunting.