Allucinazione perversa (1990): il colpo di coda degli anni 80

Allucinazione perversa è un film del 1990 diretto da Adrian Lyne con protagonisti Tim Robbins, Danny Aiello Macaulay Culkin.

La trama di Allucinazione perversa

Jacob è un veterano del Vietnam laureato in filosofia. Al termine della guerra torna a New York e diventa postino. Dopo un primo matrimonio finito male ora Jacob vive con Jezebel una sua collega. Purtroppo i fantasmi della guerra lo perseguitano e forse l’imboscata che il suo plotone subì in Vietnam nascondeva qualcos’altro.

Allucinazione perversa è cinema di intrattenimento non accomodante

Il film

Allucinazione perversa è il colpo di coda del glorioso cinema anni’80. Un cinema quello di quel decennio fatto di film che sfidavano i generi.

Allucinazione perversa infatti è difficilmente inquadrabile: un po’ horror, un po’ cinema di guerra ed un po’ drammatico. Nei momenti migliori del film sembra di trovarsi davanti ad un episodio di Ai confini della realtà.

E’ un film per adulti che non ha paura di confrontarsi con carne e sangue, sesso e morte. E’ cinema che oggi tra Netflix, cinefumetti e così via sembra non trovare più spazio.

Adrian Lyne non entrerà di certo nella storia del cinema per aver girato capolavori. In questo caso però è davvero in stato di grazia. Prende una sceneggiatura ricca di spunti, forse anche troppo, e ne fa un’opera profondamente disturbante.

Guardando la terrificante scena in cui Jacob sogna di stare su una barella ed attraversa un ospedale che pian piano sembra diventare un mattatoio tra sangue e membra umane, non può non venire in mente Silent hill (il videogioco non il film!)

un film per adulti che non ha paura di confrontarsi con carne e sangue, sesso e morte

Forse quello che rende un cult questo film, come altri dello stesso periodo, è la distanza temporale. Allucinazione perversa è cinema di intrattenimento non accomodante. Se volete passare una serata con un film diverso che oggigiorno in sala è praticamente impossibile trovare con questa pellicola andrete sul sicuro.

Trailer:

Dove recuperarlo?

just watch

Cosa dice la critica:

imdb7.5/10

rotten tomatoes70%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
8.0
Andrea Croce

Andrea Croce

Dopo aver visto da bambino al cinema L’ultimo dei Mohicani non ho più smesso di vedere film. Ho cambiato molti lavori, vissuto all’estero ma la dipendenza da grande schermo non mi è mai passata.