Ben is Back (2018): madre fino alla fine

Ben is Back è il nuovo film dramma-thriller di Peter Hedges con protagonisti Julia Roberts e Lucas Hedges.

La trama de Ben is Back

Ben (Lucas Hedges) è in comunità per disintossicarsi dalla dipendenza da eroina, ma decide impulsivamente di tornare a casa della sua famiglia per il giorno di natale. Il mondo esterno di rivela una dura prova da superare per Ben, ma è un evento in particolare a causare una serie di problemi. Il cane della famiglia viene rapito e si sospetta che il rapitore possa essere uno dei pusher per i quali Ben lavorava. Ben passerà la notte a cercare il cagnolino assieme alla madre (Julia Roberts) che in questa odissea dolorosa è intenzionata a non lasciarlo da solo.

Il film

Julia Roberts è senz’altro la protagonista di questo film, con la sua maternità esplosiva capace di non abbandonare il figlio neanche nei momenti peggiori. Ben is back è il film del 2018 che ci ricorda in che cosa dovrebbe consistere essere un genitore.

Ben is back

La ricerca del cane rapito implica bussare alle porte di un passato da cui lo stesso Ben è terrorizzato. La madre però gli resterà a fianco nei luoghi e nelle paure peggiori, una sopra tutte: quella di tornare all’eroina.

“Questo è umiliante”

“No, questo è amore”

Questo intenso scambio di battute avviene nel camerino di un negozio d’abbigliamento nel quale la madre perquisisce il figlio preoccupata che abbia nascosto una dose di eroina. Quando, imbarazzato, il figlio afferma “Questo è umiliante” la madre risponde “No, questo è amore”.

Non pensiate però che sia solamente un film drammatico, perché, non appena la ricerca del cane comincia, si sconfina abbondantemente nel genere thriller. Gli spacciatori di eroina, d’altronde, mica sono come quelli che vendono l’erba al parchetto. Quando Ben e sua madre entrano in alcune case a cercare il cane non sappiamo se ne usciranno vivi.

Ben is back

 

Julia Roberts interpreta un personaggio che ci travolge grazie alla sua tenacia. Sono molte le volte in cui Ben tenta di dissuaderla dall’accompagnarlo in questa ricerca, ma la sua risposta è sempre la stessa: io non ti lascio solo.

Si dice che il coraggio sia fare una cosa nonostante se ne abbia paura. La madre di Ben è terrorizzata da quello che potrebbe scoprire su suo figlio durante questa lunga notte di ricerca, ma nonostante questo non molla. Fa sentire la sua presenza in ogni momento e ad ogni costo. Ben vede in se stesso solamente la dipendenza e tutti i casini che questa ha comportato, sua madre vede in lui un figlio ancora splendido e pieno di possibilità.

“In quale bara vuoi essere sepolto?”

La scena del cimitero rappresenta il momento in cui viene affrontato il tema della dipendenza. Ancora oggi questo tema viene considerato molte volte come un problema morale, piuttosto che sanitario. Del tipo “te lo sei voluto”, e non invece “vediamo come uscirne”. Ben is back ci aiuta a considerarlo da una prospettiva equilibrata che non si lascia tentare né da una vuota commiserazione, né da una fredda condanna morale.

In conclusione, Ben is back parla soprattutto di una madre che non rinuncia al suo ruolo. Ma parla anche di un incontro tra madre e figlio, un incontro che terminerà con una scena che vi toglierà il fiato. Preparate i fazzolettini…

Ben is back

L’opinione

Si tratta di un film estremamente intenso, anche se parte con calma. Julia Roberts merita almeno la candidatura all’Oscar. Il fatto che il regista sia riuscito ad intrecciare bene due generi fa contenti sia gli amanti dei drammi che gli amanti dei thriller. Senza dubbio uno dei migliori film del 2018.

Consigliato a: a chi vuole approfondire il tema del ruolo genitore-figlio, della dipendenza e agli amanti dei film drammatici

Trailer:

Cosa dice la critica:

6,8/10

81%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
9.0
Jacopo

Jacopo

Amante della filosofia e del cinema. Specialmente dei drammi in cui nascondi il singhiozzo ma poi ti esce col rinculo e si sente il doppio. Registi preferiti: Alexander Payne, Wes Anderson e Noah Baumbach. Film preferito: Will Hunting.