The Predator (2018): non è il film che meritavamo

The Predator è un film di fantascienza e horror del 2018 diretto da Shane Black ed è un sequel diretto dei vecchi film della saga.

La trama di The Predator

Un’astronave con un Predator a bordo precipita sulla Terra. Scatenerà il caos quando gli scienziati del governo e una squadra di veterani si metteranno sulla sua strada.

Il film

Che Shane Black sia un bravo ragazzo non c’è alcun dubbio. È un bravo regista (nonostante abbia diretto il peggior Iron Man), ma soprattutto è un bravo sceneggiatore (Arma Letale 1 & 2, Last Action Hero, L’ultimo Boy Scout, Spy e il film dello strabiliante ritorno di Robert Downey jr., Kiss Kis Bang Bang, di cui era anche regista). Aggiungiamo che il bravo Shane aveva addirittura debuttato come attore in una piccola particina nel primo Predator del 1987. Si direbbe che sia uno che sa il fatto suo. Si direbbe che sia addirittura consapevole dei motivi del successo del primo grandioso Predator. E invece no!

“Ehi, io Predator lo conosco bene, ma aspetta che mi faccio sparaflashare”

Torniamo per un attimo al 1987. Il primo Predator lo conosciamo molto bene. C’era un manipolo di soldati che giocava al gatto col topo contro un Predator cacciatore nella giungla sudamericana. Piccolo capolavoro di genere grazie ad alcune trovate originali e di culto, Predator funzionava (e funziona) egregiamente proprio grazie al fatto di basare la sua tensione sull’impossibilità dei protagonisti di vedere il loro aguzzino. Ebbene l’invisibilità, il radar termico e i tentativi di ingannarlo da parte dei vari cazzuti di turno sono sempre stati la forza di una saga che si è altalenata tra alti e bassi. Il tutto ritornava in Predator 2, in Predators e nei dimenticabili (ma il primo non è poi tanto male) due capitoli di Alien vs. Predator.

Dimenticatevi tutto questo. The Predator sembra dire “fanculo quel che vi piace, vi proponiamo tutt’altro“. Basi segrete, botti, carneficine, ibridi alieni, e… bambini! Questi gli ingredienti del dito medio lanciato da Shane Black ai film di Predator. Un’ora e quaranta di già visto condito da simpatiche battute di personaggi poco caratterizzati (sembrano scritti da un bambino di 10 anni) e assolutamente nessun apporto interessante alla saga.

Shane ma cos’hai fatto??

Davvero pensavi che inserire un bambino, un mega-predator ed un cane predator (un Predadog?) potesse essere una mossa intelligente? Ah si c’è anche una biologa che si trasforma improvvisamente in Ellen Ripley, mentre il protagonista del film è talmente astuto da mandare due armi aliene via posta al figlio e alla moglie. Cosa cazzo abbiamo appena visto!?

Alcuni dei protagonisti quasi funzionano. Su tutti il personaggio di Olivia Munn è il migliore (togliendo quello che si è detto poco sopra), mentre Boyd Holbrook non ha abbastanza carisma da caricarsi tutto sulle spalle. Stendiamo un velo pietoso su Thomas Jane, ridotto alla sindrome di Tourette per far ridere. Per fortuna in due scene compare Yvonne Strahovski

Piccolo riferimento in un dialogo ai primi due capitoli della saga e scena conclusiva che suggerisce una continuazione ancora più truzza. Ce n’è davvero bisogno? Ridateci la giungla di Schwarzy!

In conclusione

Parafrasando James Gordon: “The Predator non è il film che meritavamo e neppure quello di cui avevamo bisogno“.

Con una trama per nulla originale e ricca di passaggi insensati, The Predator è un film fracassone che potrebbe intrattenere e divertire abbastanza chi non ha la minima idea di che cosa sia davvero Predator. Tanti effetti speciali e combattimenti non riescono comunque ad evitare qualche sbadiglio. Poco sopra il 6 per chi non ha mai visto i film precedenti.

Per i fan più accaniti è piscio riscaldato.

Consigliato a: gli amanti della fantascienza horror e a chi non vuole dormire sonni tranquilli

Trailer:

Cosa dice la critica:

5,9/10
34%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
5.6
Aaron

Aaron

Laureato in Scienze storiche all'Alma Mater di Bologna e smanettone informatico, ma da sempre appassionato di cinema. È un vero onnivoro e non c'è genere che non apprezzi. Primo film visto al cinema: Jurassic Park. Film preferito: Harry ti presento Sally.