5 film romantici non da carie

Quando sentiamo le parole “film romantici” la maggior parte di noi alza platealmente gli occhi al cielo e probabilmente con la faccia replica la stessa espressione di quando in treno gli si siede vicino qualcuno che non ha una grande relazione con l’igiene personale.
Dico “noi” mentendo spudoratamente per sembrare una persona obbiettiva, ma chiaramente sono nella minoranza che li adora e ammette di farlo.

D’altronde non è che non capisca il lato opposto, negli ultimi anni i film romantici in generale sono stati abbastanza pessimi: commedie viste e riviste con gli stessi attori riciclati interpretando versioni più o meno alternative di sè stessi, stereotipi relazionali non particolarmente piacevoli da vedere, sdolcinati all’ennesima potenza o con dei messaggi discutibili, i tempi migliori erano sicuramente altri.

Però in quanto parte di questa minoranza mi sento in dovere di difendere un po’ la nostra reputazione, e mostrare che esiste anche roba che non è pura spazzatura che neanche le nonne annoiate riescono a tenere in sottofondo mentre fanno la polenta (o il corrispettivo regionale adatto).

Ci sono film romantici effettivamente BELLI. Giuro.

1) Prima dell’alba

Vabbè, mi calo subito l’asso, mi piace vincere facile, sparo sulla croce rossa, è tutto vero.
Ma sarebbe possibile iniziare questa lista in un altro modo?

Per chi non lo conoscesse (persona che invidio molto perchè puo’ godersi questo film e i suoi due seguiti per la prima volta e tornare a credere nell’amore) Prima dell’alba racconta la storia di Jesse e Céline, due giovani che si conoscono su un treno per Vienna e, dopo una fortissima connessione quasi istantanea, decidono di passare il resto della giornata e della nottata insieme nella città, fino a quando non dovranno entrambi ripartire la mattina successiva.

La trama è letteralmente tutta lì, ma il film è come una favola che però riesce a sembrare realistica, visto il rapporto che si crea fra i personaggi e come procede la loro conoscenza.

Sostanzialmente trascorriamo un’oretta e mezza con due persone estremamente interessanti ed intelligenti, che fanno discorsi bellissimi senza cadere nel pretenzioso e si capiscono al volo senza lasciare escluso chi guarda da fuori.

E lasceranno tutti con la voglia di vivere un’esperienza simile e la conoscenza che non ci succederà mai.

Piantini.

2) In the mood for love

Questo film è di un tono completamente diverso dal precedente, più drammatico e serioso, ma sempre incentrato sulla vita romantica dei protagonisti (e con un titolo che mi piace da morire, ma fatti miei).

Su Li-Zhen e Chow Mo-Wan sono sposati – con altre persone. Sono vicini di casa e scoprono che il marito della prima e la moglie del secondo hanno una relazione alle loro spalle, e da lì le loro strade si incrociano giorno per giorno, in una storia di melancolia, tristezza, passione e ritrovamento.

Oltre alla bellissima storia non si può non restare segnati dalla regia di Wong Kar Wai, con tutte le inquadrature geniali e studiate al dettaglio, e dall’incredibile fotografia con tutte le sfumature possibili di rosso.

La stretta al cuore è inevitabile.

 

3) Moonlight

Il film protagonista della confusa premiazione agli Oscar 2017, e a tanti conosciuto solo per quello.

Moonlight racconta in tre atti la vita di Chiron, con tre attori diversi che si susseguono nelle fasi della sua vita. Il ragazzo è un afroamericano di classe povera di Miami, con una madre drogata che lo trascura, e questo, insieme al suo carattere introverso e silenzioso, gli causa non pochi problemi nei rapporti sociali.

Cruciale per lui sarà l’incontro con un altro giovane del posto, Kevin, con il quale riuscirà a creare un vero legame.

E’ uno di quei film che ti fa percepire fisicamente la presenza del tuo cuore.

4) Questione di tempo

Un film decisamente più leggero e meno impegnato rispetto ai precedenti, dalle mani dell’autore di Love Actually e Notting Hill (esclusi dalla lista per uno 0,5% di tentativo di originalità), ma solido e piacevolissimo.

Tim, il protagonista, scopre che tutti gli uomini della sua famiglia possono tornare indietro nel tempo lungo le loro vite e compiere qualche piccola modifica alla propria storia o rivivere i momenti desiderati. Il suo utilizzo principale del dono sarà quello di rintracciare Mary, una ragazza conosciuta una sera e persa di vista. Non solo una storia d’amore adorabile e divertente, si incontra anche un bel rapporto familiare che non può non far sorridere, o piagnucolare.

Penso di averlo riguardato circa 47 volte, non fallisce mai nel tirare su di morale romanticamente parlando.

5) Set it up – Come far perdere la testa al capo

Concludo questa lista cambiando un po’ il livello di gioco, come si può intuire dal titolo orripilante dato in italiano al film.

Set it up è uscito su Netflix quest’anno, ed è una classicissima commedia romantica, ma molto carina come non se ne vedevano da un pezzo in questo genere super commerciale inondato di schifezze. Sicuramente non finirà per sbaglio agli Oscar e non fa strappare il cuore dal petto dall’emozione, ma è divertente, leggero e carinissimo.

Due assistenti di due capi da incubo decidono di risolvere i loro problemi facendoli innamorare a vicenda; ovviamente andrà tutto come previsto.

Poi i protagonisti sono Lucy Liu e Taye Diggs! Chi è che non vuole vederli! Insieme!

Non mentiamo a noi stessi, su.

 

Lisa

Lisa

Le piacciono i film che fanno piangere e le peggiori canzoni pop... in quest'ordine