Matrix (1999) [ClassiCult]

Oggi ripeschiamo un’opera imperdibile della storia del cinema: Matrix. Questo film ha conquistato il mondo con la sua innovazione legata agli effetti speciali, con la sua sceneggiatura e con la sua regia. Numerosi i riconoscimenti portati a casa da Matrix, tra cui anche 4 premi Oscar nell’ambito tecnico. Le sorelle Wachowski – che a quel tempo chiamavamo ancora “fratelli” – sono riuscite senz’altro a dirigere un’opera divenuta ormai un Cult.

La trama di Matrix

In un futuro non troppo lontano, l’intelligenza artificiale ha consentito alle “macchine” (si intende la tecnologia in generale) di ribellarsi al controllo dell’uomo e di assumere così il comando. Il genere umano è divenuto quindi schiavo delle proprie macchine, che si nutrono della sua energia corporea. La schiavitù viene mantenuta grazie ad una neuro-simulazione interattiva a cui la mente dell’uomo è stata collegata, detta Matrix. Ecco così che la vita, per come la conosciamo, si rivela essere solo un meccanismo di controllo. Alcuni però sono riusciti a risvegliarsi e a ribellarsi alle macchine. Morpheus, uno dei ribelli, tenta di risvegliare più persone possibili, al fine di trovare l’eletto. L’eletto, dice la profezia, sarà in grado di mettere fine alla guerra tra l’uomo e le macchine.

Il film

Effetti speciali, azione, amore, brutalità, speranza, dramma, divertimento, tradimenti, lealtà. In questo film si può trovare ogni ingrediente immaginabile. Basti dire che Matrix è tra i primi posti della classifica dei film preferiti da Tarantino. Noi spettatori siamo catturati dalla prima scena fino all’ultima. Non c’è tempo di meravigliarsi per qualcosa, che subito ne accade un’altra ancora più incredibile. Difatti dopo gli effetti speciali, la colonna sonora e l’ambientazione, quello che colpisce di più di Matrix è senz’altro la sua sceneggiatura.

Matrix

Quella di Matrix è una storia così piena di riferimenti mitologici, letterari e filosofici che citarli uno per uno sarebbe un lavoro infinito. Ognuno ci riconosca quello che vuole! E, come ogni grande opera, anche l’interpretazione che di questo film si può dare non è una soltanto. È per questo che le discussioni nate negli anni duemila dopo aver visto questo film sono durate svariati giorni.

Io posso solo indicarti la soglia, sei tu quello che la deve attraversare…

All’interno di Matrix possiamo cogliere vari insegnamenti esistenziali attraverso il tradizionale rapporto maestro-allievo. Morpheus (il maestro) condurrà Neo (l’allievo, nonché l’eletto) in un percorso di scoperta di sé e di crescita spirituale che lo aiuterà a rendersi consapevole delle proprie doti. Ogni volta che Neo impara qualcosa, è un po’ come se lo imparassimo anche noi.

Un’altra figura preziosa dell’universo di Matrix, a questo proposito, è senza dubbio quella dell’oracolo. L’oracolo è in grado di aiutare Neo ad imboccare la sua strada, ma tale aiuto non arriva come ce lo aspetteremmo.

Il percorso di crescita vissuto da Neo è davvero coinvolgente perché porta con sé i migliori insegnamenti esistenziali buddhisti, cristiani e filosofici.

Matrix

L’opinione

Matrix parla di un uomo, l’eletto, che viene risvegliato da quella che credeva essere la sua realtà. Ma attraverso di lui parla della difficoltà di credere in se stessi, e di come alcuni passi li possiamo compiere solamente noi. Parla anche di come, a volte, morire un po’ sia l’unico modo per rinascere. Ma soprattutto parla di come la realtà cambi, quando smettiamo di vedere il mondo come un insieme caotico di eventi, e cominciamo a cercare, dietro ogni azione, il suo significato.

 

Consigliato a: a tutti i cinefili, agli amanti della filosofia, delle religioni e ai veri ribelli

Trailer:

Dove recuperarlo?

just watch

Cosa dice la critica:

8.7/10

 87%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
10.0
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Jacopo

Jacopo

Amante della filosofia e del cinema. Specialmente dei drammi in cui nascondi il singhiozzo ma poi ti esce col rinculo e si sente il doppio. Registi preferiti: Alexander Payne, Wes Anderson e Noah Baumbach. Film preferito: Will Hunting.