Love: una delle migliori serie tv Netflix

Love è una serie Netflix creata da Judd Apatow, Paul Rust e Lesley Arfin. La prima stagione è uscita nel 2016 e attualmente siamo alla terza stagione.

La trama di Love

Gus (lui) e Mickey (lei) sono due trentenni dalla vita diametralmente opposta. Lui ha sempre vissuto al riparo dai pericoli; lei nei pericoli trova una via di fuga dalla quotidianità. Entrambi escono da due relazioni sentimentali complicate e non hanno ancora capito che cosa vogliono davvero. Sarà il loro incontro fortuito in un minimarket a rivoluzionare la loro idea di amore e di felicità.

La serie

Love è una delle migliori serie tv Netflix a tema amore che possiate trovare. La sua principale forza è quella di essere realista. In questa serie non c’è spazio per le cazzate utopistiche o per i giochetti sentimentali facili.

Chi ha vissuto una storia d’amore che superi l’anno di durata, sa che “amore” è sinonimo di “cambiamento”. Cambiare è l’unico modo per avvicinarsi a ciò che vogliamo diventare: ecco di cosa parla Love. Ma si tratta di un cambiamento vero, non opportunistico.

Mickey è un’alcolista e di giorno lavora come produttrice in una stazione radio, affiancata da bizzarri personaggi come il Dr. Greg. Gus è l’insegnante degli attori minorenni che, non potendo frequentare una scuola normale, necessitano di un tutor personale. Lavora quindi direttamente sui set cinematografici, ma nel profondo aspira a diventare uno sceneggiatore.

La forza di Love

Man mano che la trama si svolge assistiamo ad una straordinaria crescita dei personaggi. È straordinaria non tanto per la rapidità con cui avviene, quanto piuttosto per il modo in cui gli sceneggiatori l’hanno ideata.

Love

La crescita personale è costituita da una serie di passaggi – talvolta dolorosi – che non si possono saltare. Love vuole raccontare proprio questi passaggi. Ecco quindi che Gus e Mickey non cambieranno grazie ad un’illuminazione improvvisa, ma proprio attraverso una serie di sbagli che ciascuno di loro farà.

E, che ci crediate o no, sono proprio i loro sbagli a farci amare così tanto questi personaggi. Gli errori che commettono ci aiutano infatti a conoscerli nel profondo, a capire le loro paure e i loro desideri.

Gli sceneggiatori e i vari registi che si susseguono nel corso dei vari episodi – tra cui anche Steve Buscemi – hanno fatto proprio un ottimo lavoro.

Imparare a perdonare

Ma sapete qual è la vera svolta tematica di questa serie? Il perdono. Sia Gus che Mickey, come già detto, commetteranno vari casini. Alcuni di questi, in un film sentimentale hollywoodiano, sarebbero ritenuti imperdonabili e vergognosi. In Love invece sono proprio i casini commessi dai personaggi a costituire il momento centrale del loro cambiamento.

Love

Una delle domande centrali sottintese di questa serie è: ne vale la pena? Sembra essere questa la domanda giusta da porci nei momenti difficili della nostra vita. Se crediamo che ne valga la pena, allora possiamo perdonare, possiamo superare gradualmente i nostri limiti e possiamo provare ad amare davvero.

L’opinione

Questa serie è davvero unica. È commovente, comica (ricordo che uno degli sceneggiatori ha collaborato al film Strafumati), introspettiva e soprattutto verosimile. Netflix ci ha dato una serie che non ci protegge dalla realtà, ma che ci aiuta a viverci dentro.

Consigliato a: agli amanti delle serie tv originali, poco convenzionali

Trailer:

Cosa dice la critica:

7,7/10

94%

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
10.0
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Jacopo

Jacopo

Amante della filosofia e del cinema. Specialmente dei drammi in cui nascondi il singhiozzo ma poi ti esce col rinculo e si sente il doppio. Registi preferiti: Alexander Payne, Wes Anderson e Noah Baumbach. Film preferito: Will Hunting.