Mad Men: una serie capolavoro tra period drama ed introspezione

mad men

Al mio risveglio stamani ho scoperto che Netflix aveva caricato tutte e 7 le stagioni di Mad Men. Una bella fortuna per tutti coloro che ancora non hanno visto questa chicca di AMC ed un’ottima occasione per un mega binge watching per recuperare questa serie tv capolavoro.

Prima messa in onda: 2007
Puntate: 92
Stagioni: 7
Rete: AMC
Autori: Matthew Weiner
Attori: Jon Hamm, Elisabeth Moss, Vincent Kartheiser, Christina Hendricks, John Slattery

Mad Men è un period drama ambientato negli Stati Uniti degli anni ’60. Più precisamente racconta un decennio esatto, dal 1960 al 1970, concentrandosi sulle vicessitudini di un gruppo di pubblicitari. Protagonisti sono i capi e i dipendenti dell’agenzia pubblicitaria immaginaria Sterling Cooper, ma in particolar modo è la vita del geniale e carismatico Don Draper ad essere sotto i riflettori.

Il mondo della pubblicità è in realtà solamente un pretesto per raccontare i grandi cambiamenti intercorsi nella storia americana degli anni ’60. Dalla presidenza di Kennedy alla conquista della Luna, quello che succede nell’arco di quei dieci anni è davvero epocale. Tanti cambiamenti potrebbero sconvolgere chiunque e la serie punta proprio a rappresentare il dramma esistenziale di persone molto diverse fra loro, ma che girano intorno allo stesso ambiente di lavoro.

“Mad Men è un’indagine socio-culturale e psicologica unica”

Nonostante a prima vista Mad Men possa dare l’idea di una sorta di soap opera, un drammone pesantissimo, in realtà fin dai primi episodi riesce a coinvolgere pienamente lo spettatore. Lo fa grazie ad una cura maniacale per i dettagli e ad un cast sublime, a partire da Jon Hamm (Don Draper) ed Elisabeth Moss (Peggy Olson). Gli attori sono la vera essenza di Mad Men. Non potrebbe essere altrimenti per una serie che indaga l’identità degli americani degli anni ’60. Un’indagine socio-culturale e psicologica lunga 7 stagioni, accompagnata da un senso costante di nevrosi.

mad men

Pur guardando con ammirazione ad un decennio ormai scomparso, Mad Men non ne nasconde i paradossi e, anzi, riesce a raccontare ansie e desideri di una generazione senza troppi condimenti. Il mondo della pubblicità diventa l’ambiente ideale per parlare di apparenza e di reale sostanza delle cose, ma anche del costante desiderio americano di migliorarsi e di progredire. Allo stesso tempo le varie campagne pubblicitarie portate avanti dallo studio Sterling Cooper avvincono lo spettatore e diventano un modo divertente per scoprire l’evoluzione di un mondo che ancora oggi riesce a venderci ogni tipo di prodotto.

A questo, come già detto, si aggiunge un senso collasso identitario (soprattutto nella figura di Don Draper) perfettamente riassunto e rappresentato dai quaranta secondi di intro di una delle migliori sigle della serialità televisiva.

Insomma, Mad Men è una serie assolutamente da vedere praticamente per tutti e che vale la pena recuperare su Netflix.

TRAILER ITALIANO:

CRITICA:

Rotten Tomatoes: 94% (pubblico: 95%)
IMDb: 8,6/10

Name: Mad Men

Totale
8.9/10
8.9/10
  • Trama - 8.7/10
    8.7/10
  • Realizzazione - 9.3/10
    9.3/10
  • Impatto - 8.8/10
    8.8/10
User Review
  • Sending
    Trama
  • Sending
    Realizzazione
  • Sending
    Impatto