Famiglia all’improvviso: la divertente commedia con Omar Sy

Quella di Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse (Demain tout commence), film francese con Omar Sy, sembra una trama abbastanza classica

Samuel (Omar Sy) un “tombeur de femmes” trascorre la sua vita a far feste e a guidare uno yacht presso una struttura turistica della Costa Azzurra. Tutto prosegue liscio finchè tra un divertimento e altro  irrompe nella sua vita la neonata Gloria. È sua figlia lasciatagli dalla sua vecchia scopata, ehm…fiamma, Kristin (Clémence Poésy).  Samuel si dimostra fin da subito incapace di prendersi cura della bambina. Insegue Kristin fino a Londra per ridarle la piccola, ma senza successo. Da qui inizierà un’avventura unica.

Famiglia all’improvviso è  una commedia agrodolce che abbatte i soliti stereotipi americani. Le tematiche profonde e realistiche, legate soprattutto a come essere genitore, vengono estorte con situazioni assurde e con battute a doppio senso, o senza senso, senza mai scadere nella volgarità. Tanto da renderlo consigliabile a tutta la famiglia.

Quella di Famiglia all’improvviso è una trama non originalissima, ma condotta egregiamente

Buona la regia di Hugo Gélin, al suo secondo film. Riesce a realizzare una regia elegante, fine e piena di colori. Per come affronta la dinamica tragica e affettuosa ricorda Gabriele Muccino in La ricerca della felicità. Invece per lo spirito mantenuto dal protagonista nelle situazioni più delicate porta alla mente la regia di Benigni in La vita è bella.

famiglia all'improvviso

La forza di questo film è una buona sceneggiatura imprevedibile. Si tratta comunque di un adattamento francese del messicano Instructions Not Included di Eugenio Derbez.

L’interpretazione di Omar Sy è impeccabile nel suo ruolo di eterno Peter Pan. Riesce a caratterizzare il suo personaggio, rendendolo protettivo, preoccupato, ma sorridente. Un sorriso in grado di coinvolgere sempre nella tragedia.

Omar nel film cita in modo indiretto diversi film a cui ha partecipato ed è un gioco divertente quello di provare a scoprirli.

Tra lui e la piccola gloria si crea un buon rapporto empatico (lei è interpretata dalla giovane e soprendente Gloria Colston). Un’ultima citazione particolare va fatta per il baffuto ‘zio’ Bernie, intrepretato in modo ingenuo e affettuoso da Antoine Bertrand, attore originario del Quebec.

Il tutto è accompagnato da una colonna sonora, in gran parte originale, di Rob Simonsen, che ben aiuta a progredire la pellicola. Interessanti anche alcune scelte scenografiche accattivanti, soprattutto la casa mozzafiato per i bambini.

Alla fine il film va visto come lezione di vita. Vita che nella sua imprevedibilità è in grado di donare gioia, ma anche immenso dolore.

Rotten Tomatoes: –
IMDb: 7,4/10

  • Trama
  • Realizzazione
  • Impatto
7.7
Sending
Il tuo voto 0 (0 voti)
Ayyoub

Ayyoub

Pazzo come Jack in Qualcuno volò sul nido del cuculo, scemo come le battute di Dodgeball, polymetis come Al Pacino ne Il padrino