The Wave (2015): recensione del film catastrofico norvegese

the wave

In The Wave una cittadina di un fiordo norvegese è improvvisamente in pericolo quando alcuni ricercatori scoprono che le montagne si stanno assestando.

Se la roccia si staccasse potrebbe creare un’onda di 80 metri e lasciare solo pochi minuti di tempo per salvarsi…

Perle ne nascono anche nel buon vecchio continente. Tra drammi, commedie, thriller e quale scappatella nel fantasy, è raro in Europa vedere prodotti paragonabili ai kolossal catastrofici americani. La Norvegia ci ha provato e ha tirato fuori qualcosa di davvero buono.

Questo The Wave (Bølgen in originale) è un film del 2015 completamente prodotto in Norvegia. È tutto quello che ci si dovrebbe poter aspettare da un titolo del genere catastrofico, ma attenuando gli eccessi. In The Wave la protagonista è una famigliola che sta per levare le tende dal paese di Geiranger. Ha quindi ha la fortuna sfacciata di avere già preso casa altrove. Purtroppo per loro il padre è un geologo e, poco prima di salire con i figli sul traghetto, ha un cattivo presentimento. Decide di andare ad avvertire i suoi colleghi che ovviamente non si fanno convincere subito.

“I clichè ci sono, ma la qualità rimane alta”

Certo di cliché se ne spendono. Come in tanti illustri predecessori (a partire da Lo Squalo) è meglio non creare allarmismi per via della stagione turistica. Il matrimonio dei protagonisti non è dei più perfetti. Il figlio è un idiota balordo che riesce a divertirsi andando avanti e indietro con uno skateboard per un cazzo di scantinato strettissimo per ore. La gente di fronte al pericolo rimane immobile come se aspettasse Natale, e via così…

Tutto sommato però sono clichè accettabili nel genere, si sta al gioco e la qualità rimane a livelli superiori ad altri prodotti. Lui ha culo, ma non è un superuomo (non è come Dwayne Johnson in San Andreas per intenderci e non ha l’abilità di guida di John Cusack in 2012…per intenderci!). Le reazioni delle persone (a parte il rimanere immobili come capre) sono abbastanza convincenti.

the wave

La recitazione è davvero sopra la media. Il protagonista Kristoffer Joner (ha fatto anche una parte in Revenant) e sua moglie Ane Dahl Thorp sono in parte. In The Wave anche gli effetti speciali sono ben curati. A livello scenografico è reso benissimo anche il paesaggio post-catastrofe. Ci sono momenti di “ma anche no”, ma anche una buona dose di tensione. D’altra parte stiamo guardando un film catastrofico, non un classico dell’espressionismo. Il regista Roar Uthaug (che sta ora girando il nuovo Tomb Raider) imita bene i kolossal americani, ma evita di scadere nel banale creando un eroe improbabile.

PS: che tu debba andare a lavorare la mattina o che tu debba fuggire da un’onda gigantesca c’è sempre il cretino che crea colonna sulla statale…

Voto: 7,2

Per saperne di più

Titolo italiano: The Wave

Totale
7.2/10
7.2/10
  • Trama - 7.2/10
    7.2/10
  • Realizzazione - 7.2/10
    7.2/10
  • Impatto - 7.2/10
    7.2/10
User Review
  • Sending
    Trama
  • Sending
    Realizzazione
  • Sending
    Impatto