I 5 migliori e i 5 peggiori film tratti da videogiochi

Possiamo dire che con il passare degli anni i videogiochi hanno ottenuto sempre maggiore appeal non solo nei reparti vendite di settore ma anche tra le pellicole dei più grandi produttori di Hollywood.. Siamo passati da Super Mario e gli Steet Fighter di passaggio, ai sempre più finanziati Resident Evil, Prince of Persia e Tomb Raider. Da Van Damme a Jeremy Irons insomma. E allora in redazione abbiamo pensato di votare i nostri 5 migliori e 5 peggiori film tratti dai videogiochi, sostanzialmente basandoci sulla pellicola in se, senza valutarne anno di produzione e costi. Ci siamo tuffati così.. a bomba, a sentimento.

 

La Top 5


Resident Evil (voto IMDB 6,7/10)

E partiamo dal più bello (sempre a nostro parere). La saga di Resident Evil non ha bisogno di presentazioni, specie i primi storici ed inimitabili capitoli (ma anche i remake godono di gloria). Il film del 2012 con la splendida Milla Jovovich e l’iperattiva Michelle Rodriguez è un gioiello incastonato nella memoria dei fan. Un po’ meno i sequel naturalmente.

 

Se volete rivederlo: è incluso nell’abbonamento di Skygo, e Nowtv.

Silent Hill (voto IMDB 6,6/10)

Forse il più fedele alla trama del videogioco è l’oscuro e disturbante Silent Hill 1 del 2006, che narra la ricerca di una giovane scomparsa in una cittadina deserta e dimenticata (pare). Ambientazioni e musiche perfette. Amore puro.

 

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Mortal Kombat (voto IMDB 5,8/10)

Cimelio dei primi film di settore, il grandioso Mortal Kombat (era il 1995..) con il brillante (in tutti i sensi) Christopher Lambert che interpreta Lord Raiden in un film avventura che sposa bene gioco e necessità di trama. Godibile anche per profanacci.

 

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Angry Birds (voto IMDB 6,3/10)

L’unico videogioco mobile a entrare in lista e per ora l’unico ad essere stato riadattato al cinema. Scommessa non facile quella di portare un giochino in cui bisogna lanciare dei pennuti incazzosi contro dei maiali, ma il film Angry Birds, complici le possibilità offerte dall’animazione in CGI, riesce a rimanere abbastanza fedele all’idea di fondo del videogioco (cosa per nulla scontata) e ad ideare una trama abbastanza decente. Non siamo di fronte ad un capolavoro, ma scappa qualche risata e il film regge fino in fondo.

 

Se volete rivederlo: attualmente disponibile per l’acquisto e il noleggio sulle principali piattaforme digitali ad un prezzo di partenza di 3,99 euro (noleggio) e 5 euro (acquisto su Mediaset Premium Play) e per l’acquisto anche in DVD e BD.

Prince of Persia (voto IMDB 6,6/10)

 

Piazzandosi poco sopra Lara Croft: Tomb Raider, il film di Prince of Persia riesce ad essere molto più fedele ai videogiochi di quello sulla nota archeologa. I punti a favore sono una buona dose di avventura, acrobazie, buoni effetti visivi, combattimenti e degli interpreti abbastanza credibili. Purtroppo la trama soffre parecchio e qualche aggiustamento in più lo avrebbe fatto salire il classifica. Ancora oggi rimane il maggiore incasso mondiale per un film tratto dai videogiochi e stupisce che non sia stato realizzato ancora alcun sequel.

 

Se volete rivederlo: è incluso nell’abbonamento di Flat Tim.


La flop 5

 

Final Fantasy (voto IMDB 6,4/10)

Il numero uno dei film più brutti di sempre (e non solo del settore video ludico) è senza ombra di dubbio il Final Fantasy nippo-americano del 2001, girato in computer grafica (che ha pure avuto il primato del film più costoso ispirato a un videogioco fino ad allora). Un flop colossale per fan e semplici spettatori

 

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Street Fighter: The Legend of Chun-Li (voto IMDB 3,7/10)

Se il primo Street Fighter con Van Damme (1994) aveva generato in noi appassionati di picchiaduro un che di piacere grazie ad una trama lineare e qualche bella comparsata, il film (2009) dedicato ad una delle principali figure del gioco del 1987, ci ha deluso non poco. Scopiazzando i più importanti Marvel non si differenzia da loro e rimane nel dimenticatoio con l’aggravante di portarsi con se la splendida Chun-Li, interpretata da una che ha fatto Smallville..

 

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Mortal Kombat 2: Distruzione totale (voto IMDB 3,7/10)

 

Stessa sorte per il sequel di Mortal Kombat. Il secondo episodio del ’97 che recupera parte del cast (sostituendo però Christopher Lambert), si perde in una trama banale e con innumerevoli e ripetitivi combattimenti.

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

 

Super Mario Bros (voto IMDB 4,0/10)

Il primo film tratto da videogioco (e che videogioco) viene prodotto nel 1993, a modo suo è un vero cult fatto di colori e personaggi particolarissimi, due dimensioni e diverse chicche qua e la (ci sono anche Yoshi e Koopa). Purtroppo lo stile punk e la poca vicinanza al videogame non lo fece apprezzare molto. Insomma per esser stato il primo tentativo non c’è male, visto oggi è proprio imbarazzante però..

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Alone in the dark (voto IMDB 2,3/10)

Il film contiene tutto ciò che ci si può aspettare dalla sapiente regia di Uwe Boll: un beneamato cavolo. Il regista ha riadattato numerosi titoli videoludici in modo pessimo, ma questo rimane senz’altro il più conosciuto tra i videogiochi riadattati (insieme a Far Cry). Intepreti inespressivi, trama attaccata con la colla, dialoghi scritti da scimmie e effettacci degni di Edward D. Wood. Non c’è nulla di questo film che vi possa far venire voglia di rivederlo.

 

Se volete rivederlo: purtroppo è disponibile solo per l’acquisto in DVD, BluRay o in diversi negozi digitali.

Max

Max

Vivere in un epoca dove i mestieri migliori (archeologo alla Schliemann, filosofo di corte e famoso pirata), non ci sono più, in favore di ben pagate noie, non ci resta altro che sognare. Socrate ed Erodoto ci insegnano che un ottimo metodo sta nel viaggiare, ridere e nutrire l'anima. Il cinema in parte risponde a tutte e tre le necessità in un mix travolgente che sa unire storie, sensazioni, colori ed illusioni in maniera assolutamente dirompente. Penso alla spacconeria negli occhi di Clint, al nichilismo di Allen, alle provocazioni di von Trier ed all'incanto dell'anima di Troisi.