Oscar 2017: ecco i film che potrebbero essere nominati e vincere

vincitori oscar 2018
Oscar 2017: ecco i film che potrebbero essere nominati e vincere 1

Arriva gennaio e siamo tutti impazienti di scoprire quali saranno i film nominati agli Academy Awards (gli Oscar) del 2017. Certo prima di scoprire i vincitori ci vorrà un po’ di tempo (la cerimonia si terrà il 26 febbraio), ma già il 24 gennaio scopriremo le nominations.

Intanto partono le speculazioni e si guarda soprattutto ai Golden Globes per avere maggiori certezze sui possibili vincitori. Eppure spesso non basta poichè le giurie delle varie manifestazioni cinematografiche sono molto diverse fra loro. Dei Golden Globes sappiamo solo le nomination (le premiazioni avverranno la notte tra l’8 e il 9 gennaio), ma possiamo guardare anche altrove per provare ad indovinare qualcosa sugli Oscar. Ad esempio i SAG (Screen Actors Guild Awards) che premiano i migliori attori, ma di cui ancora una volta sappiamo solo le nominations (le premiazioni avverranno il 29 gennaio) e gli EFA (European Film Awards) per quanto riguarda i film stranieri. E poi ci si guarda in giro e si prova a scommettere. Qual’è la situazione quindi?

I film

I Golden Globes dividono i film in musical/comedy e drama. Nella prima categoria troviamo nominati per quest’anno 20th Century Women, Deadpool, Florence, La La Land e Sing Street. Nella seconda Hell or High Water, Lion, Manchester by the Sea, Moonlight e Hacksaw Ridge.
Possiamo escludere al 100% che Deadpool possa essere nominato agli Oscar nella categoria miglior film, mentre sugli altri possiamo provare a fare un ragionamento.
La La Land, Manchester by the Sea, Moonlight e Hacksaw Ridge rientreranno quasi sicuramente nella lista dei nominati. I primi due sono i titoli che puntano di più all’ambita statuetta, sono lodatissimi, pluricandidati anche in altre categorie e molto pubblicizzati.
Manchester by the Sea ha vinto il National Board of Review, un premio assegnato da cinefili americani, ma negli ultimi dieci anni solo due film che hanno vinto quel premio hanno poi vinto l’Oscar (The Millionaire e Non è un paese per vecchi). Per far capire quant’è complicata la faccenda bisogna guardare al Satellite Award (che viene dato dalla stampa internazionale) che normalmente ci azzecca meglio. Negli ultimi i film che hanno vinto il SA hanno poi vinto l’Oscar (Il caso Spotlight, Birdman, 12 anni schiavo). L’unico problema è che quest’anno il premio è stato assegnato ex-aequo a La La Land e Manchester by the Sea. Questo ci porta ancora di più a credere che il premio sarà vinto da uno di questi due film.
La La Land è una storia molto hollywoodiana su due artisti che si innamorano a Los Angeles (lei è un’aspirante attrice e lui un musicista). Il regista Damien Chazelle si è fatto scoprire con Whiplash e gli è stato dato molto credito, i due attori (Emma Stone e Ryan Gosling) sono entrambi molto apprezzati, la storia mischia reale e surreale come i migliori film della vecchia hollywood.
Al contrario Manchestery by the Sea è un dramma classico che parla di famiglia e responsabilità. Il regista Kenneth Lonergan non ha un passato particolarmente interessante, mentre l’attore protagonsita è Casey Affleck che ha all’attivo svariati ruoli drammatici interessanti. Entrambi i film sono stati presentati a numerosi festival internazionali.
Moonlight è invece un dramma più intimo sulla vita di un giovane di colore. Al di là del contenuto (e spiace fare questa precisazione), nell’anno post-polemica sugli “Oscar so white” è molto probabile che vedremo titoli all-blacks agli Oscar. Moonlight ha comunque numerose candidature ed è stato presentato a diversi festival. Rientrerà sicuramente fra i nominati, ma difficilmente vincerà qualche statuetta alla fine (magari per la sceneggiatura originale).
Hacksaw Ridge (in italiano La battaglia di…) è diretto da Mel Gibson e come protagonsita vede Andrew Garfield. Film, regista e attore sono nominati ai Golden Globes e quasi sicuramente finiranno tra i nominati poichè come abbiamo visto con Stallone (nominato per Creed), Hollywood ama le parabole del “figliol prodigo” e Mel Gibson è tornato in grande stile (a 10 anni da Apocalypto) e con una storia che rende onore all’eroismo statunitense in guerra, ma allo stesso tempo prende posizione contro le armi. Difficilmente vincerà i premi principali, ma è già tanto essere arrivati a questo traguardo.
Lion e Florence potrebbero rientrare in nomination. Sono entrambi storie vere sul coraggio e l’intraprendenza e abbastanza classici nel contenuto. Le possibilità che vincano sono quasi nulle però, anche se potrebbero candidarsi nella parte attoriale, mentre Lion potrebbe avere qualche speranza con la colonna sonora.
Sing Street è probabilmente troppo di nicchia per candidarsi. Ciò non vuol dire che i film indipendenti non abbiano speranze, ma che in questo caso sono davvero basse. Il regista John Carney però era già arrivato agli Oscar con Once, portandosi a casa la statuetta per la miglior canzone.
20thCenturyWomen è una commedia tutta al femminile, ma difficilmente si inserirà nella lista dei nominati. Maggiori speranze ce ne sono invece per le attrici Greta Gerwig e Annette Bening, ma neanche troppe.
Hell or High Water è un buon film che però non ha grosse speranze di ambire ai vari premi se non a uno, ovvero quello per il miglior attore non protagonista a Jeff Bridges. Bridges interpreta un texas ranger cinico e ad un passo dalla pensione e fa veramente un buon lavoro. Non ci stupiremmo affatto se vincesse.
Dalla lista dei Golden Globes mancano Silence di Martin Scorsese (uscito in sala troppo tardi per i Golden Globes, ma giusto per gli Oscar) e su cui è difficile sbilanciarsi. Si parla di religione, argomento abbastanza scottante ad Hollywood. Potrebbe candidarsi in numerose categorie e non vincere nulla (a Scorsese capita spesso, v. Gangs of New York e The Aviator). Difficilmente vincerà l’Oscar al miglior film, ma potrebbe puntare più a quelli tecnici (sappiamo invece che non rientrerà in quelli per la colonna sonora).
C’è poi Fences (Barriere) con Denzel Washington, sempre seguendo il discorso degli Oscar-so-white, che potrebbe guadagnarsi un posto tra i candidati a miglior film e uno in quello al miglior attore protagonista, e Loving, sempre stesso discorso, per cui invece potrebbe uscire un premio alla miglior attrice a Ruth Negga.
Anche Hidden Figures (Il diritto di contare) potrebbe classificarsi da qualche parte (attrice non protagonista ad Octavia Spencer per esempio) e Animali notturni che potrebbe portare almeno una nomination a Tom Ford come miglior regista e miglior sceneggiatura.
C’è poi Captain Fantastic, stranamente escluso dai nominati a miglior film ai Golden Globes, ma potenzialmente un candidato ideale agli Oscar seguendo lo stesso destino che fu per un’altra indie-comedy come Little Miss Sunshine. Siamo da quelle parti ed alla fine è lecito aspettarsi una nomination per la sceneggiatura e una per l’attore protagonista Viggo Mortensen.
Sully di Clint Eastwood è stato incredibilmente ignorato da diverse manifestazioni e assurdamente potrebbe non portare neanche una nomination a Tom Hanks.
Jackie invece è papabilissima per portare almeno una nomination, ma forse anche il secondo Oscar a Natalie Portman.
The Founder, il film sul fondatore di McDonald’s potrebbe ricavare qualche nomination e chissà, magari anche una statuetta. Michael Keaton, che è protagonista nel film, potrebbe infatti riuscire a piazzarsi nella fatidica cinquina.
Infine c’è Arrival che è un po’ un enigma perchè da un lato è un film di fantascienza (ma anche un dramma) e dall’altro è stato apprezzatissimo da tutti. Potrebbe candidarsi come miglior film e portare almeno la nomination a Amy Adams più qualche altra più tecnica.

Possibili candidati e vincitori

Basandoci su queste premesse, sulle nominations ai Golden Globes, SAG (per quanto riguarda gli attori) e sul fatto che le varie liste di nomination possono comprendere solo 5 titoli, a parte alcune eccezioni e ad esclusione di quella per il miglior film che ne può comprendere minimo 5 e massimo 10, ecco le previsioni finali (in grassetto il possibile vincitore per categoria).

Miglior film 

  • Hacksaw Ridge
  • La La Land
  • Manchester by the Sea
  • Moonlight
  • Fences
  • Silence
  • Captain Fantastic
  • Arrival
  • Sully

 Miglior regista

  • Damien Chazelle (La La Land)
  • Mel Gibson (Hacksaw Ridge)
  • Kenneth Lonergan (Manchester by the Sea)
  • Barry Jenkins (Moonlight)
  • Tom Ford (Animali notturni)

Possibili nomination agli attori basate su quelle ai Golden Globes e al SAG.

    Miglior attrice protagonista

    • Natalie Portman (Jackie)
    • Ruth Negga (Loving)
    • Isabelle Huppert (Elle)
    • Amy Adams (Arrival)
    • Emma Stone (La La Land) 

    Miglior attore protagonista

    • Viggo Mortensen (Captain Fantastic)
    • Casey Affleck (Manchester by the Sea)
    • Denzel Washington (Fences)
    • Michael Keaton (The Founder)
    • Andrew Garfield (Hacksaw Ridge)

    Miglior attrice non protagonista

    • Viola Davis (Fences)
    • Octavia Spencer (Hidden Figures)
    • Naomie Harris (Moonlight)
    • Michelle Williams (Manchester by the Sea)
    • Nicole Kidman (Lion)

    Miglior attore non protagonista

    • Jeff Bridges (Hell or high water)
    • Dev Patel (Lion)
    • Mahershala Ali (Moonlight)
    • Hugh Grant (Florence)
    • Lucas Hedges (Manchester by the Sea)

    Possibili nomination alle sceneggiature basate su quelle ai Golden Globes e ai WGA.

     Miglior sceneggiatura originale

    • La La Land
    • Hell or High Water
    • Moonlight
    • Manchester by the Sea
    • Loving

    Miglior sceneggiatura non originale

    • Arrival
    • Fences
    • Hidden Figures
    • Animali notturni
    • Deadpool

    Miglior film d’animazione

    • Kubo e la spada magica
    • La mia vita da Zucchina
    • Oceania
    • La tartaruga rossa
    • Zootropolis

    L’EFA è stato vinto da Toni Erdmann, ma Il cliente ha vinto il SA e il NBR. Attualmente i film che sono passati alla selezione finale sono 9, ovvero:

    Miglior film straniero

    • Il cliente
    • Toni Erdmann
    • Land of Mine
    • Tanna
    • It’s only the end of the world
    • The king’s choice
    • Paradise
    • A Man Called ove
    • La mia vita da Zucchina

    Miglior trucco (7 film sono attualmente selezionati per la scrematura finale che avverrà il 7 gennaio. Alla fine ne rimarranno 3. Questi sono gli attuali)

    • Deadpool
    • The Dressmaker
    • Florence
    • Ave Cesare
    • A Man Called Ove
    • Star Trek Beyond
    • Suicide Squad

    Per i Migliori costumi facilmente ritroveremo The Dressmaker e Florence insieme forse a Silence.

    Per quanto riguarda gli effetti visivi ci sono 20 film in gara al momento, ma verranno presto scremati in una lista più breve in cui è supponibile che rientreranno: Rogue One, Star Trek Beyond, Arrival, Il libro della giungla e Doctor Strange.

    Per il Miglior montaggio, basandoci sulle nominations agli ACE (tenuti dal sindacato dei montatori), potremmo trovare più o meno questi titoli:

    • Hell or high water
    • La La Land
    • Arrival
    • Manchester by the Sea
    • Hacksaw Ridge

    Per la Migliore fotografia si fa un po’ più complicato perchè non abbiamo appoggi, ma proviamoci lo stesso:

    • Hacksaw Ridge
    • Arrival
    • Silence
    • Hell or high water
    • La La Land

    Le due categorie sonore, Montaggio e Missaggio solitamente sono almeno in parte condivise con gli effetti visivi e potrebbero vedere in lista:

    • Star Trek Beyond
    • Hacksaw Ridge
    • Arrival
    • Passengers
    • Batman vs Superman

    Per quanto riguarda la Scenografia è lecito aspettarsi nomination sia per La La Land che per Arrival.

    Per la Colonna sonora basandoci sui Golden Globes sicuramente ci saranno La La Land e Lion. E’ invece possibile che ci possa essere qualche infiltrato al posto di Moonlight, Arrival e Hidden Figures. Ad esempio Hell or high water.

    Infine, il premio per la miglior Canzone sarà probabilmente conteso tra La La Land e Oceania, ma potrebbe balzare in lista e vincere anche Justin Timberlake con Can’t Stop the Feeling di Trolls (non sarebbe la prima volta per un famoso cantante portarsi a casa la statuetta). E’ probabile anche l’inserimento di Sing tra i film candidati, forse Gold (come ai Golden Globes).

    Per quanto riguarda i Documentari inseriamo ora la shortlist dei 15 che arriveranno in finale, in cui è compreso anche l’italiano Fuocoammare:

    • Fuocoammare
    • O.J.: Made in America
    • Cameraperson
    • Command and Control
    • The Eagle Huntress
    • Gleason
    • Hooligan Sparrow
    • I Am Not Your Negro
    • The Ivory Game
    • Life, Animated
    • 13th
    • Tower
    • Weiner
    • The Witness
    • Zero Days

    Invece per tutti i corti si tratta di un territorio inesplorato e quindi non ci sbilanciamo. Invece aggiorneremo l’articolo man mano che si avvicineranno le date fatidiche.